Contestazione e rischio B, preallertato il sostituto di Prandelli

Cesare Prandelli
Prandelli (Getty Images)

La classifica piange, i tifosi contestano e la partita di oggi potrebbe risultare decisiva: già si parla di contatti con un nuovo allenatore per la Fiorentina

Non c’è pace per i tecnici. La Serie A si conferma un torneo mangia-allenatori e a farne le spese questa volta potrebbe essere Cesare Prandelli. La Fiorentina è reduce da quattro sconfitte nelle ultime cinque partite e la classifica piange: quartultimo posto a cinque punti dal Torino che però deve recuperare una gara. Insomma, c’è da essere preoccupati in vista di due gare che per la salvezza si riveleranno decisive: prima il Parma, poi  il Benevento saranno il crocevia della stagione viola. Una squadra costruita con altre ambizioni e che si è ritrovata a lottare per restare in Serie A.

A distanza di un girone dall’arrivo di Prandelli al posto di Iachini però miglioramenti non si vedono e i tifosi si sono stancati. Contestazione ieri  durante l’allenamento di rifinitura con cori, striscioni e petardi. Un chiaro messaggio alla squadra che deve tirarsi fuori dalle sabbie mobili della zona pericolo.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Iachini
Iachini (Getty Images)

Fiorentina, Prandelli rischia: voci sul ritorno di Iachini

In tutto questo la società vuole andare avanti con Prandelli ma non mancano rumors su un possibile cambio in panchina. Ne parla la ‘Gazzetta dello Sport’ che spiega come si è vociferato di un contatto per il ritorno di Iachini, esonerato proprio dopo la gara di andata contro il Parma.

LEGGI ANCHE >>> Fiorentina, Prandelli è pronto all’esonero: le sue parole non lasciano dubbi

La società vuole continuare fino al termine della stagione con Prandelli, ma servono risultati che diano la certezza che non si sta andando verso il baratro. Lo sa anche il tecnico che ieri in conferenza ha parlato anche della sua posizione: “Se sono un peso basta dirlo – le sue parole -. Sto facendo grandi sacrifici, ma sono aperto a qualsiasi soluzione”. In caso di ko quella scelta dalla società potrebbe essere la più dolorosa: altro esonero per cercare di ridare una scossa ad una squadra che fatica a ritrovarsi. Con la B a soli cinque punti è una necessità non rinviabile. Serve la svolta e il Parma potrebbe essere nuovamente un crocevia fondamentale per la Fiorentina.