Vlahovic prende per mano la Fiorentina e salva Prandelli (per ora)

Dusan Vlahovic in azione
Dusan Vlahovic (GettyImages)

Dusan Vlahovic è stato il mattatore della vittoria conquistata dalla Fiorentina contro il Benevento, un segnale anche per il futuro.

La Fiorentina esce dal Vigorito con una consapevolezza, quella di avere un attaccante in grado di poter dare tanto, alla piazza di Firenze ma a tutto l’ambiente viola. La tripletta firmata da Vlahovic rappresenta, di fatto, l’emblema di un giocatore maturo. Un attaccante in grado anche di fare a spallate con l’ombra del calciomercato pronta ad incombere costantemente negli ultimi mesi.

Vlahovic ha voluto far capire, qualora ce ne fosse ancora bisogno, che non c’è necessità (nemmeno per il futuro) di ricorrere al mercato per il reparto avanzato della Fiorentina. E’ lui a volersi caricare sulle spalle la squadra, andando a dimostrare costantemente la propria forza ma anche la grande qualità messa in scenda durante la sfida contro il Benevento.

In generale, la Fiorentina si è riscoperta sicuramente tenace, abile anche a tenere botta durate un match duro contro una squadra ostica come quella sannita. La viola l’ha spuntata, lanciando finalmente un segnale positivo, soprattutto per il suo allenatore costantemente sotto giudizio.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Dusan Vlahovic esulta
Dusan Vlahovic (GettyImages)

Vlahovic trascina la Fiorentina, e salva Prandelli

Di fatto si era già pronti a mettere Prandelli in discussione, qualora la viola non fosse uscita con un risultato positivo dalla sfida di Benevento. I presupposti c’erano, visto l’avversario tosto ma soprattutto il filotto di partite senza vittoria nel quale era entrata la stessa Fiorentina.

Vlahovic, invece, ha deciso di salire in cattedra e firmare una tripletta esaltante, per lui come per tutta la piazza. E se il primo gol è stato supportato dal gran movimento di Ribery, ed il secondo assolutamente di rapina, la terza rete dell’attaccante serbo ha mostrato anche la grande qualità che si nasconde dietro questo giovane classe 2000.

A nulla è servita la rete di Ionita che poteva riaprire la partita. Salvo poi vedere il Benevento pasticciare a centrocampo e regalare alla Fiorentina il contropiede che ha portato poi al gol di pallonetto di Eysseric.

Tre punti essenziali per la viole che stacca dalla zona bassa della classifica, mentre per il Benevento ora si accendono le spie di allarme. Non si può più sbagliare.

CLASSIFICA AGGIORNATA

Inter 62
Milan 56
Juventus 52**
Atalanta 52*
Roma 50
Napoli 47**
Lazio 46
Sassuolo 39
Verona 38*
Sampdoria 32
Udinese 32
Fiorentina 29*
Bologna 28
Genoa 27
Benevento 26*
Spezia 26*
Cagliari 22
Torino 20***
Parma 16
Crotone 15*

* Una partita in più
** Una partita in meno
*** Due partite in meno