Tensione durante Brescia-Pescara, Grassadonia sviene in panchina

Gianluca Grassadonia in panchina
Gianluca Grassadonia (GettyImages)

Grande tensione e paura durante la sfida tra Brescia e Pescara. Protagonista Grassadonia, svenuto in panchina durante la partita.

Momenti di tensione in Serie B, durante la sfida che ha visto di fronte il Brescia ed il Pescara, partita valida per il 33esimo turno di Serie B. Il protagonista involontario è stato Gianluca Grassadonia, allenatore della squadra abruzzese, che nel finale di partita è letteralmente svenuto mentre si trovava in panchina.

Momenti di naturale panico, con i sanitari che sono prontamente intervenuti. “Chiamate l’ambulanza, il mister è svenuto!”, si è sentito distintamente dal campo, con l’arbitro che prontamente fermato il gioco per permettere proprio i soccorsi al tecnico della squadra abruzzese. Momenti, insomma, di forte tensione.

I giocatori del Pescara si sono subito avvicinati alla panchina per capire le reali condizioni dell’allenatore, che è stato disteso sulla panchina soccorso dai suoi sanitari. Dopo diversi minuti, il gioco è ripreso.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Grassadonia ed il precedente da calciatore

L’allenatore 48enne ha ripreso conoscenza dopo qualche minuto, di fatto riprendendosi anche se non particolarmente sereno in volto. Grassadonia è stato poi accompagnato negli spogliatoio, seguito dallo staff medico del Pescara proprio per accertare e verificare le condizioni dell’allenatore.

LEGGI ANCHE >>> Conte si arrabbia anche con lo scudetto in tasca

Proprio Grassadonia, tra l’altro, da giocatore è stato protagonista di un episodio molto particolare quando vestiva la maglia del Cagliari. Era la stagione 1998/99 e allo stadio di Udine, il 29 Novembre, ebbe un arresto cardio-respiratorio dopo un contrasto con un avversario.

Fu prontamente soccorso, e di fatto si può dire salvato, grazie all’intervento del portiere Alessio Scarpi e poi del medico dell’Udinese del tempo, Giorgio Indovina, mediante respirazione bocca a bocca e tre massaggi cardiaci, che permisero la rianimazione del giocatore.