Conte rompe il silenzio dopo la stoccata di Mourinho

Antonio conte applaude
Antonio Conte (Getty Images)

Antonio Conte torna a parlare dopo un lungo silenzio: le parole dell’ex Inter arrivano dopo la stoccata di Mourinho

Antonio Conte torna a parlare. Lo fa sulla ‘Gazzetta dello Sport’ per elogiare Roberto Mancini e la sua Italia arrivata in finale ad Euro 2020. Anticipa i temi della gara contro l’Inghilterra l’ex allenatore dell’Inter e lo fa il giorno dopo la stoccata di Josè Mourinho. Nel giorno della sua presentazione, lo Special One non ha risparmiato frecciata al tecnico salentino e al club nerazzurro. Alla società lancia la stoccata sugli stipendi: “Facile vincere una volta e poi non avere soldi per pagare gli stipendi”. Ancora più pesante l’attacco al collega: “Alcuni allenatore non si possono paragonare. All’Inter non puoi paragonare nessuno con Herrera o con Mourinho: non puoi”.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Josè Mourinho
Mourinho (Getty Images)

Conte e l’attacco di Mourinho: “I tecnici italiani tra i più bravi”

Ed allora, pur non essendo una risposta diretta, un pizzico di rivalsa c’è nella frase che Conte dedica agli allenatori italiani. “Sono tra i più bravi, completi e preparati al mondo” le parole che sanno quasi di stoccata, anche perché affiancata da un’altra frase: “Spesso in Italia vediamo l’erba del vicino più verde della nostra”.

LEGGI ANCHE >>> Mourinho ha già individuato il nuovo terzino sinistro della Roma

Dai tecnici italiani all’Italia che domenica affronterà l’Inghilterra in finale ad Euro 2020. Conte vede nel trio Donnarumma-Bonucci-Chiellini il punto di forza della Nazionale. “Loro tre insieme danno sicurezza a tutta la squadra” spiega Conte che poi esalta Donnarumma (“è uno dei tre migliori portieri al mondo”) e la coppia di difesa juventina: “Mentalità vincente, esperienza, carattere, forza – afferma Conte – . Nella gestione dei momenti sono due assoluti top player nel ruolo”. Come i tecnici italiani: i migliori al mondo per una frase che sa di risposta a Mourinho.