Addio Messi, tifosi in rivolta: a Barcellona hanno il colpevole

Messi in campo
Lionel Messi (Getty Images)

I tifosi del Barcellona in rivolta dopo l’addio di Messi. Nella bufera Griezmann, accusato di essere il principale responsabile del suo addio.

La sua estate, Antoine Griezmann, se la immaginava probabilmente diversa. Successi, trofei e giorni spensierati. Invece è un incubo senza fine. Fuori a sorpresa ai quarti di finale degli Europei contro la Svizzera, licenziato dalla Konami dal ruolo di ambasciatore del gioco Yu-Gi-Oh! a causa di alcuni video razzisti e ai margini del Barcellona. In più ora il giocatore è stato accusato dai tifosi blaugrana di essere il principale responsabile dell’addio di Lionel Messi (trasferitosi al Paris Saint Germain).

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Griezmann in campo
Antoine Griezmann (Getty Images)

Addio di Messi, i tifosi hanno individuato il colpevole: Griezmann

In tanti infatti, al suo arrivo in Rolls Royce al centro sportivo della squadra, lo hanno contestato a gran voce arrivando perfino ad insultarlo (“mercenario” e “Messi se ne va per colpa tua”). A riportarlo è stato il quotidiano spagnolo ‘As’. Facile comprendere il motivo di questo astio: il francese, infatti, ha rifiutato sia di ridursi lo stipendio che alcuni trasferimenti. Per il Barcellona, fino a qualche giorno fa, non c’era più spazio. Il club lo aveva inserito nella lista dei giocatori da epurare perché esclusi dal prossimo progetto tecnico. Ma le eccessive richieste economiche del giocatore hanno fatto fuggire qualsiasi pretendente. 

LEGGI ANCHE >>> “Messi alla Juventus”: James Rodriguez ha una certezza

Griezmann guadagna 15 milioni netti all’anno e non intende fare passi indietro. A queste condizioni, un suo trasferimento altrove appare impossibili. Resta quindi un rebus il suo futuro, considerando che Sergio Aguero è pronto ad andarsene in aperta contestazione con la dirigenza. E se alla fine Griezmann restasse al Barcellona, facendo coppia insieme al nuovo arrivo Memphis Depay? Per recuperare il rapporto con i tifosi, di gol ne dovrà segnare parecchi.