Un’altra delusione per Donnarumma al PSG: “È un caso”

Donnarumma Psg
Donnarumma (Getty Images)

Non è cominciata nel migliore dei modi l’avventura di Donnarumma, ex portiere del Milan, con la maglia del Paris Saint-Germain

Due panchine consecutive e l’impressione di essere già di troppo nel club che ha puntato su di lui convincendolo a suon di milioni. Gianluigi Donnarumma non è (ancora) il portiere titolare – come sperava d’essere – del Paris Saint-Germain e per la seconda volta consecutiva deve accontentarsi di guardare la partita della sua squadra dalla panchina, prospettiva inedita per lui che ha appena vinto l’Europeo con l’Italia e che col Milan, nonostante la giovane età, era abituato da anni ad essere sempre protagonista.

Dopo l’esordio in panchina col Brest, Donnarumma si è accomodato a bordocampo anche nell’ultima giornata di Ligue 1 contro il Reims vinta 2-0 grazie alla doppietta del solito Mbappé. Chiara la scelta di Pochettino: fiducia a Keylor Navas che, per gerarchie, resta il titolare. D’altronde si sta parlando di un portiere forte, di grande esperienza, capace di vincere tre Champions di fila col Real Madrid.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Pochettino
Pochettino (Getty Images)

Donnarumma, per i quotidiani è un caso?

Intanto, i giornali francesi commentano ponendosi qualche dubbio la scelta dell’allenatore dei parigini di lasciare Donnarumma in panchina. In realtà, il loro punto di vista coinvolge la strategia della società più che le idee dell’allenatore. “Perché spendere così tanto per un portiere di riserva?” è un pensiero ricorrente. Donnarumma è arrivato a parametro zero e si è convinto del Psg per il ricco ingaggio che gli è stato proposto. Ma, a quanto pare, quella del portiere non era la vera priorità del club francese. Per ora, comunque, il giudizio sull’operazione di mercato resta sospesa.

LEGGI ANCHE >>> “Hanno imparato dal passato”: Pioli battezza ‘tre nuovi acquisti’

In Francia si parla di ‘caso’ ma siamo appena all’inizio della stagione. Solo tra qualche settimana sarà possibile tracciare un bilancio sull’esperienza di Donnarumma in Francia. Di sicuro, non è da tutti vivere in panchina dopo aver alzato da protagonisti la Coppa Europea. Succede anche questo nel Psg delle spese folli e delle figurine.