“Hanno imparato dal passato”: Pioli battezza ‘tre nuovi acquisti’

Milan, Pioli dalla panchina
Stefano Pioli, Milan (Getty Images)

Stefano Pioli, allenatore del Milan, è intervenuto ai microfoni di ‘DAZN’ per commentare la sfida di campionato vinta contro il Cagliari.

“Ritrovare i tifosi, dopo la bella emozione vissuta a Genova, ci ha emozionati, abbiamo preso energia da loro e l’abbiamo messa in campo”, ha dichiarato in apertura Pioli, che è soddisfatto del lavoro che il Milan sta svolgendo fino a questo momento, ma resta con i piedi saldi per terra, poiché il vero segreto è che “ci stiamo abituando a vincere giocando bene, ma le squadre forti vincono le partite anche giocando male”.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Milan-Cagliari, le tre sorprese di Pioli

Pioli dà indicazioni ai suoi calciatori
Pioli e i calciatori del Milan (Getty Images)

Sugli scudi per la serata, oltre a Giroud, è per l’inizio di campionato c’è sicuramente Sandro Tonali e sul giocatore Pioli dichiara: “Ha lavorato tanto, nel calcio a volte succedono cose strane. Nel primo giorno di raduno ho trovato tre calciatori completamente forti e maturati, Sandro, Leao e Krunic. Hanno avuto bisogno di qualche lezione del passato e ora capiscono l’opportunità per il futuro. Tonali ha tutto. Cos’ho detto a Leao? Voleva giocare tutta la partita, gli ho detto di continuare a lavorare così. Sono sicuro che farà un’ottima stagione”.

LEGGI ANCHE >>> Milan-Cagliari 4-1, Giroud è immenso per San Siro

Sul livello di competitività raggiunto dalla rosa, Pioli riflette: “Se vogliamo un futuro positivo, devono sentirsi titolari. Sto facendo difficoltà a compiere delle scelte, mancano Ibra e Kessie e già sono in difficoltà, poi forse arriveranno un paio di calciatori. Se sempre tutti si faranno tornare pronti, la squadra sarà ogni volta più competitiva. Dobbiamo affrontare la Champions League con entusiasmo, è motivante ma gli avversari sono molto forti. Dobbiamo considerarle delle opportunità, è un girone per continuare a crescere ulteriormente”.