Il pupillo di Mourinho che sta inguaiando la big di Premier: “Tutti pagheranno le conseguenze”

L'Arsenal in Carabao Cup
Arsenal in Carabao Cup 2021 (Getty Images)

Le dichiarazioni di Mikel Arteta, tecnico dell’Arsenal, preoccupato per i calciatori no vax presenti in rosa, tra cui vari hanno contratto già il COVID-19. Tra questi figura Granit Xhaka, amico di Mourinho ed obiettivo dello scorso mercato della Roma.

La stagione dell’Arsenal in Premier League non è cominciata nel migliore dei modi a causa dei risultati ma anche delle polemiche interne allo spogliatoio per la presenza di calciatori ‘no vax’. Le parole del tecnico Mikel Arteta sono state di condanna a questo atteggiamento, immaginando che non mancheranno conseguenze.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Arsenal, Arteta preoccupato per i calciatori no vax

Arteta durante Brentford-Arsenal
Arteta, Arsenal (Getty Images)

Già al momento, infatti, i Gunners sono alle prese con diverse assenze a causa dei positivi al Covid-19. Si tratta di Aubameyang e Lacazette, poi è risultato positivo anche Ben White, e infine a Granit Xhaka, il quale aveva rifiutato il vaccino proprio prima di partire con la Nazionale svizzera e risultare contagiato.

LEGGI ANCHE >>> “Resterà fuori parecchio”, altra tegola pesante in Serie A

A tal proposito in vista della sfida contro il Norwich, Arteta è intervenuto in conferenza stampa accusando proprio quanti hanno assunto la posizione di contrari al vaccino contro il coronavirus: “Se non si sottoporranno al vaccino, ci saranno dei limiti perché noi non vogliamo esporci. Se non sono vaccinati e viaggiano o escono, aumenta il rischio di contagio e non intendiamo esporre a ciò nessuno dei nostri. Alla fine, la squadra e il club ne pagheranno il prezzo. Stiamo cercando di spiegare tutti i motivi per cui questa è la cosa giusta da fare. Prima di tutto proteggerà il club e in secondo luogo i  compagni di squadra, l’ambiente con cui sono in costante contatto e l’esposizione che dovranno affrontare se non sono vaccinati”. Il tecnico ha comunque concluso che, non trattandosi di un obbligo, la decisione va rispettata ma il suo sprono proseguirà in favore della vaccinazione.