Insigne sbaglia ancora e Spalletti svela il ‘prossimo’ rigorista del Napoli

Insigne sconsolato
Insigne (Getty Images)

Dai tre punti col Torino, al ruolo di Insigne come rigorista: Luciano Spalletti commenta la vittoria del Napoli ai microfoni di DAZN

Tre punti importanti, per il Napoli di Spalletti che porta a casa l’ottava vittoria consecutiva, grazie all’ennesima rete di Victor Osimhen: “È un calciatore fortissimo, che sta attraversando un grande momento di forma – spiega Spalletti ai microfoni di DAZN, che aggiunge – È fondamentale, adesso va ad acchiappare più cose, alle quali prima non dava importanza. Sta diventando completo”.

Una vittoria sofferta, che Spalletti però ha sempre sperato di raggiungere: “Mai pensato che fosse impossibile sbloccarla. Ho a disposizione tanti giocatori forte in avanti e, quindi, si va sempre a sperare di farcela. La possiamo sbloccare in ogni momento”.

Poi il commento sul rivale Juric: “È un allenatore forte, uno tosto che sa caricare le proprie squadra. Contro di lui, è sempre una battaglia vera e bisogna saper fare anche un tipo di partita del genere, dove si mette qualità e quantità. Loro difensivamente sono messi davvero bene”.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Spalletti allena in panchina
Spalletti (Getty Images)

LEGGI ANCHE >>> Serie A, ora è ufficiale il cambio in panchina: c’è nuovo allenatore

Spalletti e il ruolo di Insigne: “Ecco chi batterà il prossimo rigore”

Di qui, Spalletti si sposta su Lorenzo Insigne e sul suo terzo errore dal dischetto, nelle ultime cinque esecuzioni: “Lorenzo la vive in base al suo sentimento verso il Napoli, è uno molto attaccato alla piazza. I compagni lo aiutano e gli danno forza, ma lui era dispiaciuto per aver sbagliato il rigore. Il prossimo, quando sarà, lo batterà Insigne. Quello dopo Lorenzo e quello dopo ancora il capitano”, chiude scherzando Spalletti, che lascia intatto il ruolo di rigorista dell’azzurro di Roberto Mancini.

Infine, un commento generale sulla crescita del suo Napoli: “Ora tutti si attendono certi standard di gioco. Non sarà facile, ma vedo la squadra cresciuta dal punto di visto fisico e di mentalità. Insigne è tornato anche in area di rigore, pur di ripiegare. Queste sono cose che compattano e danno forza allo spirito di squadra. Anche stasera, abbiamo giocato ad un buon livello, ma resta ancora qualche passo da fare”.