Supercoppa conferenza Gattuso: “Da capire cosa farà Higuain”

Genoa Milan Riccio
Foto Twitter @_elbonito_
Supercoppa conferenza stampa
Foto Twitter @_elbonito_

SUPERCOPPA CONFERENZA GATTUSO – “Higuain? Mi baso su come vive il gruppo, su come sta a contatto con lo staff. Ci sono tantissime voci. Si sta allenando bene con i compagni, è a disposizione. Vediamo se gioca o no. Vediamo cosa vuole fare e come sistemare questa questione”. Lo ha detto il tecnico del Milan, Gennaro Gattuso, nella conferenza stampa alla vigilia della finale di Supercoppa Italiana a Gedda, parlando del Pipita e delle voci di mercato che lo riguardano.

Supercoppa conferenza Gattuso, Higuain parte ?

“Voglio godermi questa Supercoppa italiana, spero sia una serata importantissima, poi vediamo cosa succederà. Ma non ci rimarrò male” se Gonzalo Higuain lascerà il Milan. Rino Gattuso valuta con pragmatismo il destino dell’argentino. “Ho fatto il calciatore, non si può giudicare come ragiona una persona”, il ragionamento dell’allenatore rossonero che vede l’attaccante “sereno, dentro al progetto”, ma è convinto che sia “successo qualcosa nella sua testa, nel suo stato d’animo” dopo il rigore sbagliato e l’espulsione contro i bianconeri a novembre. “Far cambiare idea a un calciatore a volte non è facile. E un’ultima cosa: non è mai venuto a dirmi che vuole andare via. Lo sto ancora aspettando”, ha aggiunto Gattuso, limitandosi a confermare che domani “al 90% sarà titolare”.

-> Leggi anche Piatek Milan, Perinetti: “aspettiamo l’offerta”. Leonardo non parte per Gedda

Arabia Saudita, organizzazione 10 e lode

“Siamo due grandissime squadre che si affrontano in Arabia Saudita, siamo orgogliosi di essere qua, domani ci saranno anche le donne per assistere alla partita, noi siamo qua per fare il nostro lavoro. Per come siamo stati trattati, all’Arabia Saudita va un 10 e lode”. Lo ha sottolineato l’allenatore del Milan Rino Gattuso alla vigilia della Supercoppa italiana a Gedda: “Posso soltanto parlare di come ci avete trattato in questi tre giorni, per il calcio italiano deve essere un orgoglio”.

-> Leggi anche Allegri Gattuso, amici contro: un rapporto iniziato nel 1995 a Perugia