Piatek Milan, decise formula e cifre. Oggi si può chiudere

Piatek Real Madrid
Foto: Twitter ufficiale Genoa
Piatek Real Madrid
Foto: Twitter ufficiale Genoa

PIATEK MILAN – Con Gonzalo Higuain ormai sempre più diretto verso Londra in direzione Chelsea e soprattutto Maurizio Sarri, la dirigenza rossonera di trova nella situazione urgente di dover rimpiazzare uno degli uomini più importanti presenti nell’organico del tecnico Gennaro Gattuso. L’uomo a cui i rossoneri la scorsa estate avevano affidato le ambizioni di rinascita. La realtà purtroppo ha detto altro e ora Leonardo e soci si trovano di fronte ad una necessita che si fa giorno dopo giorno più urgente: rimpiazzare il Pipita. Per questa ragione negli ultimi tempi il direttore generale dell’area tecnico-sportiva del Milan avrebbe aumentato la pressione sul Genoa per riuscire ad ottenere il cartellino di Krzysztof Piatek.

LEGGI ANCHE: Milan-Piatek, Preziosi rivela: “Consideriamo solo offerte monstre”

Piatek Milan, rossoneri alle con il Fair Play Finanziario

Sarebbe l’attaccante polacco di proprietà del club rossoblù il prescelto da parte del direttore generale della società meneghina per tentare di rimpiazzare al meglio Higuain . E l’ipotesi che porterebbe al classe ’95 in queste ore si starebbe facendo sempre più concreta. La formula allo studio dei vertici del Milan sarebbe particolare. A causa del Fair Play Finanziario dell’Uefa non sarebbe infatti possibile acquistare l’attuale capocannoniere della Serie A a titolo definitivo e neppure in prestito con obbligo di riscatto, almeno non formalmente.

LEGGI ANCHE: Milan, Piatek sempre più vicino ai rossoneri: Leonardo tratta con il Genoa

Piatek Milan, l’ipotesi allo studio dei rossoneri

L’idea dei rossoneri sarebbe quella di un prestito con obbligo di riscatto “mascherato” da prestito con diritto di riscatto. Questo sarebbe possibile grazie ad un prestito oneroso a cifre molto elevate (si parla di una superiore ai 10 milioni di euro) ed un diritto di riscatto fissato a 30 milioni versati in estate a rate. Va da sé con un’offerta che preveda una prima tranche subito per il solo titolo temporaneo di fatto costringe i milanesi a pagare anche la restante parte a stagione conclusa.