Juventus-Milan, Allegri: “Bella risposta. Scudetto? Manca vittoria o pari”

(Photo by Marco BERTORELLO / AFP) (Photo credit should read MARCO BERTORELLO/AFP/Getty Images)
(Photo by Marco BERTORELLO / AFP) (Photo credit should read MARCO BERTORELLO/AFP/Getty Images)

JUVENTUS MILAN 2-1 LE PAROLE DEI TECNICI – Intervistato ai microfoni di Sky Sport, Massimiliano Allegri, tecnico della Juventus, ha parlato della vittoria contro il Milan: “Era importante vincere. La squadra ha dato una bella risposta. Adesso per lo scudetto manca una vittoria o un pareggio”. Sulla partita. “Primo tempo non bene, nella ripresa siamo stati più ordinati. Non avevamo la testa all’Ajax. Dybala arrabbiato? Giusto che lo sia, avevo bisogno di altri. Bravo Kean, ha fatto anche una bella esultanza. A Ronaldo ho detto di riposare. Per mercoledì c’è fiducia”.

LEGGI ANCHE: Pagelle Juventus-Milan 2-1: voti, tabellino e highlights del match – VIDEO

Juventus-Milan, Allegri: “Nel primo tempo arrangiati. Nel secondo buone trame di gioco”

L’allenatore bianconero ha quindi proseguito sul possibile scudetto in caso di vittoria del Genoa domani contro il Napoli: “Se metterò la sciarpa del Genoa? Fa caldo per la sciarpa… Nel primo tempo eravamo arrangiati, nel secondo ho visto buone trame di gioco. Nel primo tempo sapevo che potevamo avere difficoltà con Alex Sandro terzo centrale, De Sciglio e Spinazzola, Bernardeschi mezzala. L’abbiamo risistemata e anche a livello fisico siamo migliorati”. Su Dybala dopo la sostituzione: “Tutti vogliono giocare, avevo bisogno di cambi. Veniva da un periodo in cui non giocava e si è allenato poco. Il gol dà fiducia, tutti i giorni si deve combattere e io devo fare meno danni possibile”.

LEGGI ANCHE: Juventus-Milan, le statistiche: nel 1929 la prima sfida

Juventus-Milan, Allegri: “Kean molto bravo nel segnare, lasciamolo crescere”

Allegri ha infine detto la sua sull’ennesimo gol del giovane talento Kean: “E’ molto bravo in questo, lasciamolo crescere. Se mercoledì gioca? Vediamo…”. Sulla possibile cessione di Kean a gennaio. “Abbiamo deciso con la società di tenerlo perché è il centravanti riserva di Mandzukic, anzi, con caratteristiche ancor più di attaccante di Mario, visto che va in profondità. Aveva bisogno di stare qui per crescere”.