Barcellona-Manchester United Solskjaer torna al Camp Nou dove trionfò nel 1999

Barcellona Manchester United Solskjaer
(Photo by Michael Regan/Getty Images)
Barcellona Manchester United Solskjaer
(Photo by Michael Regan/Getty Images)

BARCELLONA MANCHESTER UNITED SOLSKJAER – Martedì al Camp Nou di Barcellona scendono in campo otto titoli europei: cinque vinti dai blaugrana e tre dal Manchester United. Tra le curiosità di questa sfida, il ritorno al Camp Nou di Solskjaer, attuale tecnico dei Red Devil che proprio in questo stadio segnò il gol della vittoria per lo United nella finale di Champions League esattamente vent’anni fa. La finale della 44edizione di Champions League fu disputata il 26 maggio 1999 al Camp Nou di Barcellona tra i Red Devils e il Bayern Monaco. All’incontro diretto dall’italiano Pierluigi Collina assistettero circa 90 mila spettatori. Il Manchester United di Alex Ferguson aveva superato il gruppo D
come secondo classificato restando imbattuto, totalizzando 10 punti e segnando ben 20 reti. Il primo classificato di quel girone era stato proprio il Bayern Monaco, che aveva racimolato, invece, 11 punti.

-> LEGGI ANCHE: Highlights Champions League: Manchester United-Barcellona 0-1. Video Gol e tabellino

La Champions League del 1999

La partita d’andata del girone D tra le due compagini si era risolto in un pareggio 2 a 2, mentre al ritorno ci fu una altro pareggio, per 1 a 1. Successivamente, i Red Devils avevano dovuto affrontare due squadre italiane ai quarti e in semifinale, ovvero l’Inter e la Juventus, finalista dell’edizione precedente. Il Bayern Monaco, invece, aveva sconfitto senza fatica prima i campioni di Germania del Kaiserslautern e poi la Dinamo Kiev, rivelazione di quella Champions. Dopo essersi incontrate nella fase a gironi, le due formazioni si ritrovarono cosi’ in finale per la resa dei conti. Sia il Manchester che il Bayern erano campioni nazionali e di Coppa (l’inglese Fa Cup e la tedesca Dfb-Ligapokal) e quindi erano entrambe alla ricerca del triplete. Il controllo del match fu preso subito dai tedeschi che, dopo appena sei minuti dal fischio d’inizio, passarono in vantaggio grazie ad una punizione di Basler. Il primo tempo si concluse sullo 0 a 1 perché i tentativi di recupero del Manchester si articolarono solamente in una serie di attacchi imprecisi. Il secondo tempo si apri’ con altri tre tiri pericolosi da parte dei tedeschi che colpirono due pali e una traversa.

Barcellona Manchester United Solskjaer decisivo in finale

La svolta arrivò con l’ingresso in campo di due attaccanti, Teddy Sheringham e il norvegese Ole Gunnar Solskjaer, l’attuale tecnico del Manchester United, che totalizzò con la maglia dei Red Devils 366 presenze e 126 gol. I giornali britannici lo avevano rinominato The Baby-Faced Assassin per il suo giovane aspetto e per il fatto che fosse letale sotto porta. In quel periodo, Solskjaer era stato utilizzato principalmente come ‘super-riserva’ perchè scendeva in campo solo negli ultimi minuti di gioco, riuscendo spesso a segnare almeno una rete. Con l’ingresso dei due attaccanti, le sorti della partita si ribaltarono: nei tre minuti di recupero concessi da Collina, l’inglese Sheringham segnò la prima rete, mentre Solskjaer mise a segno un clamoroso gol sotto la traversa al terzo minuto di recupero. Quella fu la rete definitiva che riconsegnò la coppa al Manchester United a distanza di 31 anni dall’ultima. Domani Solskjaer rivivrà le emozioni di quel giorno, tornando con la sua squadra, ma in veste di allenatore, al Camp Nou di Barcellona.

Giovanni Cardarello