Napoli, Ancelotti rivela l’addio agli azzurri: “Non volevo esser pagato senza lavorare”

FROSINONE, ITALY - APRIL 28: SSC Napoli head coach Carlo Ancelotti looks on during the Serie A match between Frosinone Calcio and SSC Napoli at Stadio Benito Stirpe on April 28, 2019 in Frosinone, Italy. (Photo by Paolo Bruno/Getty Images)
 (Photo by Paolo Bruno/Getty Images)

CARLO ANCELOTTI- Ancelotti, intervistato sulle pagine del “Corriere della Sera”, ha colto l’occasione per sottolineare il suo nuovo percorso sulla panchina dell’Everton, rimarcando anche l’addio al Napoli. Il tecnico ha così spiegato: “De Laurentiis mi ha detto che aveva pensato di cambiare allenatore, gli ho chiesto se era sicuro e, dopo la sua conferma, mi sono messo a cercare una nuova squadra. Non volevo essere pagato senza lavorare, per coincidenza si è liberata la panchina dell’Everton e ho accettato”.

Un nuovo capitolo in Inghilterra con un Everton rigenerato con l’arrivo dell’ex tecnico di Napoli, Milan e Chelsea. Il club inglese continua a sorprendere con la sua marcia trionfale coronata da 17 punti totali dopo l’arrivo di Ancelotti.

Leggi anche: “Repubblica”, colpo di scena Juventus: possibile ritorno di Allegri, il nuovo scenario!

Ancelotti: “Qui in Inghilterra è impensabile”

Ancelotti ha poi concluso: “In Inghilterra l’ambiente diverso, in alcuni stadi italiani hai l’impressione che la gente ti odi magari perché hai cambiato squadra. Ti si piazzano dietro la panchina per 90 minuti e vomitano insulti. Qui è impensabile”.