Ripresa Serie A, Lotito: “Dobbiamo convivere con il virus”. Spadafora: “Spiraglio ripresa”. La Ligue1 si ferma

CAGLIARI, ITALY - DECEMBER 16: Luis Alberto of SS Lazio celebrates after scoring the first goal of his team with his team mates during the Serie A match between Cagliari Calcio and SS Lazio at Sardegna Arena on December 15, 2019 in Cagliari, Italy. (Photo by Marco Rosi/Getty Images)
 (Photo by Marco Rosi/Getty Images)

RIPRESA SERIE A- Resta avvolto in un grosso punto interrogativo il futuro dell’attuale campionato di Serie A. Nei prossimi giorni è attesa la decisione definitiva sulla possibile ripartenza, anche se nelle ultime ore starebbe trapelando un leggero ottimismo.

Come noto, in Germania si viaggia spediti verso la ripresa, Bundesliga pronta ripartire a fine maggio circa. Stop definitivo in Francia, dove la Ligue1 ha deciso di chiudere ufficialmente il campionato in maniera anticipata.

Leggi anche: Calciomercato, Juventus: assalto a Jorginho e Arthur, 4 cessioni! Inter, Conte ha scelto Cavani

Spadafora: “Esiste uno spiraglio per la ripartenza”

Intervenuto in diretta facebook, il ministro dello Sport, Spadafora, ha così ammesso: “Gli sport di squadra dovrebbero avere inizio auspicabilmente il 18 maggio. Queste linee guida le stiamo perfezionando e poi le sottoporremo al comitato tecnico scientifico che deve valutare se sono sufficienti per garantire la sicurezza”.

Il ministro ha poi aggiunto: “Arriveremo un po’ alla volta a far ripartire lo sport anche per gli atleti non professionisti. Spero che da qui alla fine di maggio si possano riaprire tutti i settori, ci arriveremo un po’ alla volta. Ringrazio Gravina che oggi ha smentito le illazioni della Lega su un ipotetico accordo per la ripresa del campionato, niente di più falso.

Lotito: “Ripartiamo, dobbiamo imparare a convivere con il virus”

Il presidente della Lazio, intervenuto ai microfoni del “Tg2“, ha così ammesso: “Dobbiamo partire da un presupposto – ha dichiarato al TG2 – cioé che sappiamo con certezza che il virus non scomparirà in poco tempo quindi bisognerà imparare a conviverci”.