Roma, Fonseca in difficoltà: due assenze pesanti con lo Spezia

Fonseca Dzeko Pedro Roma
Dzeko (GettyImages)

Paulo Fonseca in conferenza stampa ha detto di avere l’appoggio della società ma la Roma contro lo Spezia non avrà Dzeko e Pedro

Dallo Spezia… allo Spezia. Quanti problemi per Paulo Fonseca. L’attaccante portoghese della Roma sta vivendo il periodo più difficile della sua esperienza sulla panchina giallorossa. La gara contro i liguri potrebbe risultare decisiva per lui e le condizioni con cui ci arriva sono pessime.

Dopo il lungo faccia a faccia di ieri con la sua squadra, l’allenatore della Roma si è presentato in conferenza stampa. Contro lo Spezia mancheranno Dzeko e Pedro e pure Mkhitaryan è in dubbio. Malgrado ciò però Paulo Fonseca non ha nessuna intenzione di molla e si dice sicuro che la squadra lo segua.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Fonseca Dzeko Pedro Roma
Fonseca (GettyImages)

Roma, Fonseca su Dzeko: “Out per una contusione, non ci sarà neppure Pedro. Ho la fiducia della società”

La sorpresa dell’esclusione di Dzeko provoca qualche dubbio dopo la “sommossa” delle scorse ore e le frizioni in seguito agli addii di Gombar e Zubiria. Il capitano, con cui in passato Fonseca avrebbe avuto già qualche scambio di opinioni, non ci sarà a guidare l’attacco giallorosso contro la formazione di Vincenzo Italiano. Il tecnico però in conferenza stampa ha minimizzato parlando di una “contusione” accusata durante la partita di Coppa Italia per cui non ci sarà contro domani contro i bianconeri.

Oltre a Dzeko mancherà certamente lo spagnolo Pedro, appena rientrato dopo il suo infortunio, e in forte dubbio è anche la presenza di Mkhitaryan.

Poi resta aggrappato al suo posto: “Ho sempre sentito l’appoggio della società. Il nostro dialogo è continuo e pure oggi ci siamo sentiti. Non esistono casi, la squadra mi segue e non sono un tipo abituato a mollare”.

LEGGI ANCHE >>> Scontro con Fonseca, niente allenamento: caos a Roma

Le due sconfitte con Lazio e Spezia e il caso delle sei sostituzioni sembrano comunque aver sconquassato un ambiente che fino a sette giorni fa mirava con fiducia alla qualificazione in Champions a distanza di due anni.