Don Fabio, l’immortale: un altro record raggiunto

Quagliarella record Samp
Fabio Quagliarella (Getty Images)

Altro record per Fabio Quagliarella: con il gol alla Fiorentina è andato in rete per 17 anni consecutivi. Solo Totti ha fatto meglio

Nel giorno di San Valentino, è giusto celebrare una grande storia d’amore: quella tra Fabio Quagliarella ed il gol. Era il 21 dicembre del 2005 quando una rete di Quagliarella con la maglia dell’Ascoli regala alla squadra bianconera la vittoria sul Treviso. In quella stagione arrivarono altre due reti: una proprio alla squadra del destino, la Sampdoria, l’altra alla Roma.

Da lì una scalata senza mai fermarsi, una squadra dopo l’altra, un gol dopo l’altro: la prima volta alla Sampdoria, l’Udinese, la grande chance (con annessa terribile storia personale) di Napoli, quindi la Juventus (con gli scudetti e la nazionale), il Torino e poi il ritorno in blucerchiato: aspettando ogni anno un pensionamento che non arriva, una carriera che non ne vuol sapere di fermarsi. Pochi minuti fa, l’ennesima perla, su tocco di un altro calciatore non più giovanissimo: Antonio Candreva.

Un gol che aggiunge il 2021 all’elenco infinito delle annate con almeno una rete a referto: 172 gol in carriera in Serie A, quello di oggi è il numero 225 con i club. Un bomber da sogno, uno che non ha avuto quanto i suoi mezzi tecnici e le sue qualità di finalizzazione avrebbero meritato. Un record eccezionale: Francesco Totti ha fatto meglio con l’inarrivabile record di 23 stagioni a referto consecutive, ma resta il prodigio di don Fabio.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Quagliarella, ancora un record
Fabio Quagliarella (Getty Images)

Record su record: Quagliarella secondo doriano all-time

Non basta: con la rete alla Fiorentina, Quagliarella, come svela il tweet di Opta, si piazza al secondo posto della classifica all-time della storia dei goleador della Samp. Ecco il tweet:

LEGGI ANCHE >>> Quagliarella condanna la Fiorentina, l’Atalanta vince in extremis

Sarà quasi impossibile raggiungere il ct Roberto Mancini: ma, con un Quagliarella così sognare non è proibito.