Il gesto di Ilicic che ha fatto infuriare Gasperini

Gian Piero Gasperini
Gasperini (Getty Images)

Al di là dell’arbitraggio, in Atalanta-Real Madrid fa discutere la sostituzione di Ilicic dopo trenta minuti dal suo ingresso in campo

L’Atalanta perde a testa alta contro il Real Madrid nell’andata degli ottavi di finale di Champions. I bergamaschi vengono sconfitti 1-0 con una rete nel finale di Mendy dopo aver giocato praticamente tutta la partita in dieci uomini. Una gara condizionata dall’espulsione (per quasi tutti ingiusta) di Freuler al 17′ del primo tempo. Nonostante ciò la squadra di Gasperini ha tenuto bene il campo e risposto colpo su colpo ad un Real Madrid apparso lontano dalla sua forma migliore.

Il gol arrivato a pochi minuti dal fischio finale ha lasciato l’amaro in bocca ma c’è un altro aspetto che fa discutere: la sostituzione di Ilicic dopo trenta minuti dal suo ingresso in campo. Lo sloveno ha giocato decisamente male, toccando pochi palloni e sbagliando diversi approcci. Ma è stato soprattutto il suo atteggiamento a mandare su tutte le furie Gasperini tanto da spingerlo a sostituirlo prima della fine del match.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Ilicic
Ilicic (Getty Images)

Atalanta-Real Madrid, la frase di Gasperini contro Ilicic

L’allenatore dell’Atalanta ha più volte richiamato Ilicic nel corso dei suoi trenta minuti in campo. Lo sloveno è apparso svogliato ma è stato soprattutto l’atteggiamento verso i compagni ad aver fatto infuriare Gasperini. L’ex Fiorentina si è lamentato di un passaggio sbagliato di Pessina, allargando le braccia e protestando. A questo punto è arrivata la reazione dell’allenatore: “Dai non mollare – l’urlo di Gasperini a Ilicic -, non mollare: invece di allargare le braccia datti da fare”.

LEGGI ANCHE >>> “Ha rovinato tutto”: la sentenza di Capello su Atalanta-Real

La frase ha preceduto poi la decisione di sostituire Ilicic, subito prima dell’angolo da cui è scaturito il gol vittoria del Real. “Mancavano pochi minuti, volevamo difendere il risultato e ho messo qualcuno che potesse difendere” la spiegazione del cambio data dall’allenatore nel post gara. Una sostituzione sfortunata perché dopo pochi secondi è arrivata la rete di Mendy che ha deciso il match. Un cambio poco gradito dal calciatore che è subito entrato negli spogliatoi con il viso visibilmente contrariato.