La dura decisione di Prandelli sul presente di Amrabat

Amrabat in campo con la Fiorentina
Amrabat Fiorentina (GettyImages)

Sofyan Amrabat è stato escluso dai titolari della Fiorentina in occasione della gara di campionato contro l’Udinese, decisione disciplinare.

L’aveva preannunciato e ha mantenuto la coerenza delle proprie parole. Cesare Prandelli, allenatore della Fiorentina, ha rinunciato a schierare in campo Amrabat. Tutto ciò in occasione della sfida di campionato alla Dacia Arena contro l’Udinese. Al calciatore marocchino viene oggi preferito Eysseric. Quest’ultimo è stato già autore della rete del 3-0 contro lo Spezia. É la prima volta che il tecnico viola decide di fare a meno di Amrabat in questo modo. La decisione è stata maturata in seguito al comportamento del calciatore in occasione dell’ultima sfida di campionato.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Amrabat escluso da Udinese-Fiorentina per motivi disciplinari

Amrabat calcia di testa
Amrabat Fiorentina (GettyImages)

Contro lo Spezia, infatti, al momento della sostituzione, Amrabat ha lasciato il campo arrabbiato per la decisione del tecnico. É uscito senza fermarsi in panchina. Bensì dirigendosi direttamente negli spogliatoio. Ciò ha generato chiaramente molta polemica. Prandelli a tal proposito ha confermato pubblicamente la decisione di una multa per Amrabat. Tutto suggerisce che anche l’esclusione odierna sia un provvedimento disciplinare nei suoi confronti. Una decisione punitiva dopo quando verificatosi al Franchi pochi giorni fa.

LEGGI ANCHE >>> “Zlatan, teni il c**o lontano da qui, sei uno stupido”, Ibrahimovic diventa un caso

Ciò non mette chiaramente in discussione il futuro del marocchino. Tuttavia la spiegazione alla sua reazione può ritrovarsi nel fatto che non sia ancora riuscito a tirare fuori il suo potenziale. Ossia quanto fatto vedere a Verona. Amrabat è stato impiegato costantemente sotto la gestione di Iachini e anche con Prandelli sta trovando equilibrio. Pare però che il ruolo di regista non è quello che meglio si adatta alle sue caratteristiche. Ragion per cui non ha ancora impressionato. Insieme comunque al resto della squadra che vive una complessa stagione. Il tempo per invertire la tendenza ancora c’è. Questa scelta drastica potrebbe essere uno stimolo ulteriore, giacché la fiducia da parte dell’allenatore non è in discussione.