“Zlatan, teni il c**o lontano da qui, sei uno stupido”, Ibrahimovic diventa un caso

Ibrahimovic
Zlatan Ibrahimovic (Getty Images)

Le parole di Zlatan Ibrahimovic continuano ad avere eco in NBA. Dopo le dichiarazioni di LeBron James, arriva anche la replica di Baron Davis.

Indiscutibilmente è suo il predominio iconico, da diversi anni, nel mondo del calcio contemporaneo, eppure l’NBA non subisce il fascino di Zlatan Ibrahimovic. Al contrario si oppone alle ultime dichiarazioni dell’attaccante del Milan, giudicate in parte fuori luogo. Lo svedese, infatti, qualche giorno fa in occasione di un’intervista rilasciata alla UEFA, aveva dichiarato: “Fai quello che sai fare. Se sei uno sportivo non è il caso di mettersi a fare politica”. Un concetto riferito a qualsiasi ambito dello sport, poiché diversi sono i protagonisti che difendono ideologie sociali e politiche, approfittando della cassa di risonanza che le varie discipline posseggono.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Le accuse di Baron Davis a Ibrahimovic

Baron Davis contro Ibrahimovic
Baron Davis (GettyImages)

Il primo a rispondere a Ibrahimovic, è stato LeBron James, stella dell’NBA e in particolare dei Los Angeles Lakers. Quest’ultimo ha affermato che non starebbe mai in silenzio davanti a un’ingiustizia, sopratutto quando si sente in parte colpito da questa, come nel caso del razzismo per il colore della pelle. A puntare il dito contro il calciatore del Milan è stato anche Baron Davis, ex giocatore dell’NBA, noto per il suo passato nei Golden State Warriors.

LEGGI ANCHE >>> Il vero flop della Juventus non è (solo) Andrea Pirlo

Le sue dichiarazioni sono state decisamente meno soft: “Zlatan, tieni il c**o lontano da Los Angeles. I Galaxy tanto fanno schifo comunque e tu sei incredibilmente stupido. Prendi quel look da Zohan e restituiscilo a Sandler (il riferimento è all’attore che interpreta il personaggio, ndr). Ora lascia che sia il King a parlare!”. Queste le parole piuttosto forti su Twitter, e la polemica sembra destinata a diffondersi a macchia d’olio.