PSG, c’è un positivo al Covid-19: l’ex Juventus è in isolamento

Mauricio Pochettino primo piano
Mauricio Pochettino (Getty Images)

Brutta tegola per il Paris Saint-Germain di Mauricio Pochettino. Moise Kean è positivo al Covid-19 ed è in isolamento.

Stop forzato per Moise Kean. Ma, stavolta, gli infortuni c’entrano poco. Il problema è lo stesso che affligge il mondo intero ed anche il calcio giocato. L’attaccante del Paris Saint-Germain è risultato positivo al tampone molecolare per Covid-19 ed è stato, prontamente, messo in isolamento dal resto del gruppo squadra. L’ex calciatore della Juventus, dunque, si ferma: dovrà attendere la negatività al Coronavirus per tornare ad allenarsi con i compagni.

Moise Kean esulta
Moise Kean (Getty Images)

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Kean positivo al Covid-19

Una brutta tegola per il PSG di Mauricio Pochettino. A comunicare la positività del calciatore è stato lo stesso club francese attraverso una nota ufficiale apparsa sui propri canali pochi minuti fa: “Moise Kean è risultato positivo al Covid-19 questa mattina. È rimasto a Parigi e salterà la sfida con il Bordeaux. Dovrà rispettare l’isolamento come previsto dal protocollo sanitario”.

Il tecnico dei transalpini dovrà fare a meno del suo attaccante nel match di stasera contro il Bordeaux. La sua assenza, tra le altre cose, rischia di mettere in pericolo quanto preparato in settimana. In attacco, infatti, manca anche Neymar, fermo ai box per infortunio. A rischio, però, non c’è solo il match di Ligue 1. L’italiano rischierebbe, qualora non dovesse risultare negativo in tempo, di non essere a disposizione nemmeno per la sfida di Coppa di Francia col Brest.

LEGGI ANCHE >>> Napoli, perché Ghoulam tornerà in panchina col Sassuolo | ANews

Le note dolenti, però, non sono finite qui. All’orizzonte, infatti, c’è la super sfida di Champions League contro il Barcellona. Il match è in programma per il prossimo 10 marzo al Parco dei Principi di Parigi. I suoi quindici gol stagionali, dunque, per il momento sono destinati a restare fermi. Ne terrà considerazione, sicuramente, anche Roberto Mancini, commissario tecnico della Nazionale italiana che, da tempo, tiene d’occhio il calciatore per la convocazione ai prossimi Europei.