“Il sindaco ci ha offeso”, Inter furiosa contro Beppe Sala

Logo Inter
Logo dell'Inter (Getty Images)

Dura presa di posizione dell’Inter contro il sindaco Beppe Sala dopo le dichiarazioni sullo stadio: “Prima l’Inter chiarisca il suo futuro”

Durissimo botta e risposta tra l’Inter e il sindaco di Milano, Beppe Sala. Solo poche ore fa, durante una cerimonia per commemorare le vittime del Covid in piazza della Scala, il primo cittadino del capoluogo lombardo aveva dichiarato, a domanda circa l’iter di approvazione del nuovo stadio di San Siro: “Penso che finché l’Inter non chiarirà il suo destino, per noi le cose devono essere necessariamente ferme”.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Beppe Sala
Beppe Sala (Getty Images)

L’Inter contro Beppe Sala: “Noi resteremo, lui passerà”

Non è la prima volta che Sala, tra l’altro noto tifoso nerazzurro, mette i puntini sulle i circa la questione del nuovo stadio di Inter e Milan, che dovrebbe sorgere sempre nell’area di San Siro, rimpiazzando il vecchio “Meazza”. L’Inter, stavolta, si è però sentita attaccata direttamente e ha voluto ribattere sul proprio sito con un comunicato dai toni molto forti.

Eccone di seguito il testo integrale:

FC Internazionale Milano ha una storia gloriosa ultracentenaria.

Esisteva prima del Sindaco Sala e continuerà ad esistere anche al termine del suo mandato.

Troviamo le dichiarazioni del Sindaco di Milano offensive nei confronti della Proprietà, irrispettose verso la storia e la realtà del Club e i suoi milioni di tifosi a Milano e in tutto il mondo nonché irrilevanti rispetto all’attuale iter amministrativo del progetto Un Nuovo Stadio per Milano.

Se dovesse essere confermato che l’Inter e la Proprietà non sono gradite all’attuale amministrazione, sapremo prendere le decisioni conseguenti“.

LEGGI ANCHE>>> Inter, arriva la mossa a sorpresa di Suning: ecco la svolta

Chissà se a questo punto interverrà un chiarimento tra le parti o si andrà avanti con il muro contro muro. Un qualcosa che rischia tra l’altro di avere ripercussioni per l’intera Milano calcistica, vista l’importanza strategica del nuovo stadio per il rilancio dei due club meneghini.