Il Milan vuole il portiere che insultò Ibrahimovic

Ibrahimovic applaude
Ibrahimovic (Getty Images)

Il Milan deve fare i conti con i ritardi sul rinnovo di Donnarumma: i rossoneri studiano un portiere che insultò Ibrahimovic

Rinnova o va via? L’interrogativo continua ad aleggiare a Milanello e riguarda Gianluigi Donnarumma. La situazione non cambia: il portiere è in scadenza di contratto con il Milan a fine giusto e la trattativa per il rinnovo non decolla. Le richieste di Raiola, agente del calciatore, sono lontane dall’offerta fatta dal club a livello economico e in ballo c’è anche la durata del contratto e la possibile clausola per andare via senza Champions. Logico quindi che in casa rossonera ci si inizi a guardare intorno per farsi trovare pronti in caso di addio.

Tra i portieri monitorati da Maldini, secondo quanto riferisce ‘L’Equipe’, ci sarebbe anche Mike Maignan. Venticinque anni, attualmente in forza al Lille, ha una valutazione di 20 milioni di euro. Su di lui c’è anche il Tottenham che a fine stagione potrebbe veder partire Lloris. L’estremo difensore 25enne è cresciuto nelle giovanili del Psg e proprio a Parigi ha avuto modo di giocare con Zlatan Ibrahimovic. Allo svedese lo lega un episodio molto particolare.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Maignan dà indicazioni
Maignan (Getty Images)

Milan, piace Maignan: disse “attaccante di m…” a Ibrahimovic

A raccontarlo è stato lo stesso Maignan qualche anno fa. Il portiere ha condiviso con Ibrahimovic l’esperienza al Psg. Allora l’estremo difensore era un 17enne che si allenava con la prima squadra. Maignan racconta che non riusciva a parare i tiri dell’attuale numero 11 rossonero e allora Ibra disse: “Sei un portiere di m…”

LEGGI ANCHE >>> Theo si confessa: al Milan”per sempre”, gli scherzi con Ibra e il sogno con Lucas

Coincidenza volle che poco dopo il giovane calciatore riuscì a parare la conclusione di Ibrahimovic ed allora si prese la sua ‘vendetta’: “Non potevo non rispondergli, così gli dissi: “E’ tu sei un attaccante di m…”. Una frase che colpì lo svedese che negli spogliatoi chiamò a sé allora giovane compagno: “All’inizio mi ignorò, poi nello spogliatoio disse che mi apprezzava”. Ed ora i due potrebbero incrociarsi di nuovo in rossonero.