Cosa fa Insigne? De Laurentiis ha già deciso

Insigne corre
Insigne (Getty Images)

Lorenzo Insigne è in scadenza di contratto nel 2022, non ha ancora rinnovato e il Napoli, a quanto pare, avrebbe preso una decisione sul capitano

Una decisione, intanto, è stata presa, ed è saggia quanto, forse, prevedibile: Lorenzo Insigne non andrà a scadenza di contratto. Dato che, su carta, c’è scritto ‘epilogo 2022’, in estate rinnoverà o verrà ceduto. Non conviene, al Napoli, rischiare di perderlo a zero. Dunque, senza accordo, ma si farà di tutto per trovarlo, Insigne sarà messo sul mercato.

L’edizione odierna del ‘Corriere dello Sport’ ragiona sul futuro del capitano del Napoli. Doppia ipotesi: permanenza o cessione. La Champions può essere decisiva, gli introiti Uefa permetterebbero ad Insigne di strappare una cifra maggiore, come stipendio, per il prolungamento. Le parti hanno scelto di sedersi a discuterne a fine stagione. Nel mezzo, c’è anche l’Europeo. Che può incidere.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

De Laurentiis
De Laurentiis (Getty Images)

Napoli, Insigne e il rinnovo

Insigne, capitano, leader e bomber della squadra, è concentrato su questa stagione, con tranquillità sta guidando il Napoli, in campo e fuori, e sa di avere mercato. Tanti i club a lui interessati (negli ultimi giorni si è parlato anche del Milan), tantissimi quelli che vorranno approfittare di un’eventuale cessione a prezzi di saldo. Ma questo lo sa anche il Napoli: De Laurentiis vuole blindarlo e Insigne vuole restare. Un ottimo punto di partenza. Ma bisognerà trovare l’accordo economico che, al momento, non c’è.

LEGGI ANCHE >>> Napoli, senti l’allenatore della capolista: “Se mi chiamano corro”

Insigne guadagna circa 5 milioni a stagione, stipendio conquistato dopo l’ultimo rinnovo del 2017, nel bel mezzo dell’era Sarri. Oggi, prossimo ai trent’anni, Insigne non vorrebbe allontanarsi troppo da quella cifra mentre il Napoli, per motivi di bilancio, intenzionato a ridurre il monte ingaggi, proporrebbe un ingaggio inferiore. Si tratta. Si tratterà. C’è tempo per farlo. Ma una cosa è certa: in estate, in un senso o nell’altro, la questione verrà risolta.