Dimissioni ed esonero: Juventus, la risposta di Pirlo in diretta

Andrea Pirlo in panchina
Andrea Pirlo, Juventus (Getty Images)

La Juventus soccombe per 3-0 contro il Milan all’Allianz e Andrea Pirlo commenta la dura sconfitta, scontro diretto per la qualificazione in Champions League.

La sconfitta contro il Milan in casa per la Juventus è un fardello significativo, poiché scivola al quinto posto in classifica, quando mancano soltanto tre giornate alla fine del campionato. Si complica la rincorsa per un posto in Champions League, e la squadra di Pirlo sciupa la ghiotta occasione di fermare una diretta concorrente tra le mura amiche. Un risultato che può costare caro, valere una stagione e compromettere il futuro del club in campo internazionale e non solo.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Juventus-Milan, le parole di Pirlo dopo la sconfitta

Pirlo in campo da allenatore della Juventus
Andrea Pirlo, Juventus (Getty Images)

Andrea Pirlo ne ha parlato così ai microfoni di ‘SKY’ mantenendo ferma la sua posizione da allenatore: “Non mi faccio da parte. Ho intrapreso questo lavoro con entusiasmo. Ci sono delle difficoltà ma io vado avanti, sono a disposizione. Penso di poter fare meglio e di uscirne insieme alla mia squadra. Ora bisogna guardare avanti e, finché mi sarà consentito, continuerò a fare il mio lavoro“.

LEGGI ANCHE >>> Il Milan passeggia a Torino: Juve, incubo senza fine

Il tecnico ha proseguito e concluso così: “C’eravamo allenati bene, con concentrazione. Vedevo la squadra viva ed ero convinto di fare un grande match, essendo anche uno scontro diretto per la Champions. L’inizio è stato discreto, poi alcuni episodi ci hanno disuniti e la gara è cambiata. Tante componenti che non sono andate ci sono, ma adesso bisogna rivedere la partita e parlare coi ragazzi. A mente fredda ci saranno altre considerazioni.

Quando sono arrivato, sicuramente avevo in testa un progetto diverso. Pensavo di avere a disposizione una squadra diversa, quindi ho lavorato su alcuni principi. A volte è andata bene, a volte è andata male, poi in  base a tutte le cose che sono successe ho dovuto anche adattarmi e quindi magari un piano ben definito non si è più visto. Tuttavia, sono convinto di avere un’ottima squadra, dobbiamo solo uscire da questo periodo”.