Le parole di Pirlo sul futuro suo e di Ronaldo alla Juventus

Pirlo in conferenza stampa in Coppa Italia
Pirlo, Juventus (Getty Images)

Andrea Pirlo, tecnico della Juventus, ha presentato in conferenza stampa la sfida contro il Bologna, parlando anche del suo futuro e di quello di Cristiano Ronaldo. 

In occasione della gara di campionato contro il Bologna, la Juventus saprà del suo futuro in Champions League. La formazione di Pirlo dovrà vincere e sperare in un passo falso di Napoli o Milan per garantirsi una chance. L’allenatore ha commentato così l’ultima gara della stagione: “Dopo il Milan eravamo morti, ma ci hanno fatto rialzare. Ci crediamo molto. Io ho sempre dato il 100% e sarò in panchina a testa alta e senza rimpianti. Non penso che il mio futuro dipenda dal risultato di un’ultima partita, la società avrà già preso la propria decisione. Da parte mia ho voglia di continuare in questo club”.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Juventus, Pirlo sul futuro di Ronaldo e sull’addio di Buffon

Pirlo e Buffon si abbracciano dopo la vittoria della Coppa Italia
Buffon e Pirlo, Juventus (Getty Images)

Tuttavia, se il futuro di Pirlo è ancora in bilico, decisamente più concreto è quello di Gianluigi Buffon. Come annunciato dal portiere alcuni giorni fa, quella di domenica sarà la sua ultima gara con la maglia bianconera: “Senza di lui il calcio perde un monumento. Dispiace a tutti, non solamente a noi. Io ho avuto la fortuna di stare con lui da quando avevo 15 anni, siamo cresciuti insieme. Vederlo ogni giorno con la stessa grinta di un ragazzino è davvero ammirevole”.

LEGGI ANCHE >>> Il giallo Gasperini cambia la corsa alla Champions

A tenere sulle spine, infine, è la posizione di Cristiano Ronaldo. Difficile immaginare che resti senza Champions poiché è per lui fondamentale, ma al contempo è una questione intricata anche perché CR7 pesa molto sulle finanze della società. Pirlo ne ha parlato così: “Io lo vedo ancora in bianconero. È concentrato e l’ha dimostrato sacrificandosi in Coppa Italia perché voleva il trofeo. Il futuro poi si vedrà”.