Conte ‘scaricato’ dal Tottenham: “Richieste catastrofiche”

Conte pensieroso
Antonio Conte (Getty Images)

Antonio Conte non sarà l’allenatore del Tottenham. La stampa inglese è sicura e rivela i motivi della bocciatura.

Dopo l’addio all’Inter, Antonio Conte dovrà ora capire dove scrivere nuove pagine di storia. Mentre in Serie A ormai il quadro degli allenatori si sta completando settimana dopo settimana, l’allenatore italiano si sta guardando intorno per capire dove potrebbe nuovamente mettersi in carreggiata. Nelle settimane scorse si è parlato anche del possibile approdo al Real Madrid, con Carlo Ancelotti che alla fine ha avuto la meglio.

E cosi si è palesata ancora l’opportunità di tornare in Premier, dove conte ha lasciato un bel ricordo sulla panchina del Chelsea. E’ il Tottenham la squadra accostata a Conte in queste settimane, con Fabio Paratici pronto a prendere in mano le redini della situazione.

Un sodalizio che in molti davano ormai in dirittura d’arrivo fino a qualche giorno fa, ma è proprio dall’Inghilterra che stanno arrivano news negative sul possibile ritorno a Londra del tecnico pugliese. Una sorta di bocciatura da parte degli spurs che Conte, che sembra abbiano scaricato l’allenatore ed accantonato l’idea di ingaggiarlo.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Conte pensieroso
Antonio Conte (Getty Images)

Conte scaricato dal Tottenham, spuntano i motivi

A rivelare i motivi che hanno spinto il Tottenham a scartare Antonio Conte è il ‘The Times’, che ha svelato come l’ormai ex allenatore dell’Inter avrebbe richiesto uno sforzo importante da parte del club sul mercato per rafforzare la rosa.

LEGGI ANCHE >>> Juve e Atalanta gongolano: tesoretto da 50 milioni in arrivo

Poi ancora la riluttanza da parte di Antonio a lavorare con i giovani – si legge – senza contare la dimensione dello staff che lo stesso allenatore avrebbe poi richiesto di portare in casa spurs. Tre motivazioni che avrebbero portare il Tottenham a scartare l’ipotesi Conte, puntando cosi su altri profili.

Il ‘Sun’, poi, rincara la dose sull’allenatore italiano, definendo quelle che sono state le richieste finanziarie alla dirigenza degli spurs ‘eccessive e potenzialmente catastrofiche‘.