L’Inghilterra è riuscita a far arrabbiare anche Josè Mourinho

Mourinho
Mourinho (Getty Images)

Non si placano le polemiche dopo la vittoria dell’Inghilterra contro la Danimarca: anche Josè Mourinho critica il rigore assegnato a Sterling

Polemiche senza freni. Inghilterra-Danimarca lascia una scia di critiche per l’operato del direttore di gara. Sul banco degli imputati il fischietto olandese Makkelie, colpevole di aver assegnato un calcio di rigore molto dubbio agli inglesi per un presunto fallo di Maehle su Sterling nel primo tempo supplementare. Una decisione non cambiata dal Var ma che per molti è stata sbagliata. Inoltre nella stessa azione, quando Sterling prende palla ce n’è un’altra in campo, altro episodio che ha sollevato più di una polemica.

Si schiera contro le decisioni dell’arbitro anche Josè Mourinho, allenatore della Roma che oggi pomeriggio terrà la sua prima conferenza stampa da tecnico giallorosso. Lo Special One parlando a ‘Talk Sport’ ha spiegato il suo punto di vista sull’episodio più controverso della seconda semifinale di Euro 2020.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Sterling
Sterling (Getty Images)

Inghilterra-Danimarca, la delusione di Mourinho

In attesa delle sue prime parole da allenatore della Roma, Mourinho ha commentato la semifinale vinta dall’Inghilterra con una rete di Kane nei tempi supplementari. Un gol, arrivato quando il punteggio era di 1-1, scaturito da un calcio di rigore sbagliato dallo stesso attaccante del Tottenham.

LEGGI ANCHE >>> Mourinho ha spiegato la scaltrezza di Chiellini con Jordi Alba

L’allenatore portoghese ha rimarcato: “L’Inghilterra ha meritato, ha vinto la squadra più forte, ma quello non è mai rigore”. Il tecnico ha poi proseguito: “Non ho capito la decisione. Sono felice per l’Inghilterra – le parole di Mou – ma da uomo di calcio sono deluso per la decisione presa”. Critiche che si uniscono a quelle piovute da più parti sulla direzione di gara e al timore italiano che a Wembley domenica sera bisognerà fare attenzione, non soltanto a Sterling e compagni, ma anche ai fischi del direttore di gara.