Allegri promuove Chiesa e ritrova l’equilibrio: nuovo ruolo e svolta tattica

Allegri durante Juventus-Milan
Massimiliano Allegri, Juventus (Getty Images)

Allegri-Chiesa, un rapporto pronto a decollare definitivamente in vista della sfida della 5^ giornata contro lo Spezia: il tecnico bianconero promuoverà l’attaccante titolare dopo le recenti polemiche

Massimiliano Allegri è pronto ad affidarsi a Chiesa dal primo minuto in vista della sfida di campionato contro lo Spezia. Il tecnico punterà forte sul 4-4-2, anche se non è ancora chiaro se l’ex Fiorentina agirà a destra a sinistra. Fine delle ultime polemiche e screzi velati: Chiesa sarà un pilastro fondamentale della nuova Juventus di Allegri. Il tecnico bianconero ha sempre sottolineato l’importanza degli equilibri, equilibri fondamentali per cercare di creare una formazione solida e ben organizzata in ogni settore del campo.

Chiesa, dal canto suo, potrà essere utilizzato sia nel 4-4-2 come esterno destro o sinistro, ma anche in caso di 4-3-3. Una svolta tattica che potrebbe spingere Allegri a rischiare maggiormente, ma difficilmente, almeno in questa fase, la Juventus avrà la possibilità di schierare Cuadrado e l’ex Fiorentina contemporaneamente.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

La Juventus esulta dopo un gol
Juventus (Getty Images)

Allegri promuove Chiesa: sarà il perno fondamentale dell’attacco bianconero

Chiesa esterno destro o sinistro, ma l’esterno offensivo della Juventus rappresenterà, come detto, il punto di partenza della Juventus del futuro. Difficilmente Allegri riproporrà l’ex viola nel ruolo di seconda punta, esperimento provato in una sola occasione in questo inizio di campionato.

LEGGI ANCHE >>> Caso Maignan, la reazione ufficiale di Milan e Juventus

4-4-2 in linea, ma solamente in teoria: come confessato da Allegri, infatti, il nuovo modulo della Juventus sarà un 4-4-2 atipico, ma leggermente atipico perchè sbilanciato soprattutto sulla destra, e più equilibrato a sinistra: “E’ un modulo come la torre di Pisa, un po’ pendente da una parte”, ha rivelato il tecnico bianconero in conferenza stampa alla vigilia di Juventus-Milan.