Thuram si scaglia contro Materazzi: “Prendi i libri…”

Thuram durante la Champions femminile
Lilian Thuram (Getty Images)

Lilian Thuram ha parlato del delicato tema del razzismo, rispondendo ad alcune dichiarazioni di Materazzi sulla medesima problematica, soltanto alcuni giorni fa.

L’ex difensore francese, Lilian Thuram, che in carriera ha vestito le maglie di Monaco, Parma, Juventus e Barcellona, è intervenuto al Salone del Libro di Torino. Durante l’evento, seduto accanto all’ex calciatore Claudio Marchisio, ha affrontato il delicato tema del razzismo nel mondo dello sport e del calcio in particolare.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Thuram risponde a Materazzi sul razzismo nel mondo del calcio

Lilian Thuram a Cannes
Lilian Thuram, Festival di Cannes (Getty Images)

Il campione del mondo del ’98 è intervenuto duramente su Marco Materazzi. Soltanto pochi giorni fa, infatti, l’ex Inter, durante il Festival di Trento, aveva parlato proprio commentando delle considerazioni di Thuram sul razzismo rispetto al colore della pelle: “Io sono contro il razzismo, ma Thuram non è mai uscito dallo stadio quando cantavano “Materazzi, figlio di pu***na”. Questa è discriminazione per il bianco, per il nero e anche per il figlio di pu***na”.

LEGGI ANCHE >>> Marchisio difende Balotelli: “Se faceva male gli dicevano di…”

La generalizzazione non è piaciuta al francese, che quindi ha dibattuto: “A questo proposito dico che bisogna educare i giocatori. Se qualcuno dice “figlio di pu**ana”, rimane un insulto contro di te. Se invece dice “sporco negro” o imitala scimmia, se ci sono bambini neri alla partita, questi bambini pensano sia per loro. Se dici a uno “figlio di pu***na”, non lo prendi sul personale. Il razzismo è un tema serio, che attacca l’autostima. È difficile audio sei visto come un diverso. Quando si analizza la risposta di Materazzi bisogna analizzare molto bene, serve chiarezza. Per me non ha capito e sta sbagliando. Gli direi: “Prendi dei libri, impara, capisci. Stai facendo dei paragoni sbagliati”. Bisogna imparare per capire le cose e ci sono dei libri”.