Cagliari, Cragno ai saluti: Torino e Fiorentina ci sono, occhio al Napoli

Cagliari, al via la diaspora dopo la retrocessione: Cragno verso la permanenza in Serie A. Torino e Fiorentina osservano, occhio anche al Napoli. Le ultime secondo SerieANews.com.

La retrocessione scotta. Non solo per com’è arrivata, ma anche per l’incredibile beffa dell’ultima giornata. Adesso, il Cagliari sarà chiamato a ripartire dalla Serie B e a farlo senza alcuni dei suoi calciatori simbolo.

Cragno in campo
Cragno (LaPresse)

Una diaspora inevitabile, che tra tutti interesserà anche Alessio Cragno. Il portiere della Nazionale italiana è uno dei volti e dei nomi più interessanti della formazione sarda. E dopo 174 presenze con i rossoblù, può essere giunto al momento dei saluti.

Saluti che il classe 1994 ha sempre rimandato nel corso delle ultime estati. Adesso, però, con la retrocessione del Cagliari, l’addio e la permanenza in Serie A possono diventare una concreta realtà.

Cragno in presa
Cragno (LaPresse)

Cagliari, Cragno ai saluti: Fiorentina e Torino osservano, occhio anche al Napoli

Dopotutto, Cragno può godere di diversi estimatori. Secondo quanto raccolto dalla redazione di SerieANews.comFiorentina e Torino sono alla finestra e osservano con interesse il futuro del portiere sardo. Qualche chiacchierata informale con il suo entourage risulta esserci già stata nel corso degli ultimi mesi, ma nulla di più.

Chiacchierata informale alla quale anche il Napoli si è iscritto, con il DS Giuntoli che ben conosce il profilo di Cragno sin dai tempi di Benevento. Già nel 2017 gli azzurri si interessarono al classe 1994 e, in caso di partenza di Ospina e/o Meret, potrebbero tornare a farsi sotto.

Discorsi e riflessioni in evoluzione: al momento non risultano trattative già in essere tra il Cagliari ed altre società, ma la situazione è chiara. I club che hanno bisogno di un portiere sono in fila per Alessio Cragno, sperando in un’occasione a prezzo di saldo. Un anno fa, il Cagliari lo valutava intorno ai 15 milioni di euro, ma adesso le richieste dei rossoblù risultano essersi abbassate tra gli 8 e i 10 milioni. Un’occasione che, quest’estate, in diversi potrebbero cogliere.