Prem’er-Liga Russia, Kokorin e Mamayev fermati per aggressione

Prem'er-LigaI calciatori russi della Prem’er-Liga Alexander Kokorin e Pavel Mamayev sono stati fermati per aggressione per avere partecipato ad una rissa a Mosca, come confermato dalla polizia della capitale russa. I calciatori, che non sono stati convocati per la Coppa del Mondo 2018, si sono presentati alle autorità, dopo che è stato emesso un ordine di cattura dopo la notte brava a Mosca.

I FATTI

Secondo testimoni, Kokorin e Mamayev hanno aggredito e ferito diverse persone in un caffè e un ristorante lunedì, tra cui un funzionario del Ministero dell’Industria e del Commercio, che è stato trasportato in ospedale con gravi ferite. Le telecamere di sicurezza dei locali hanno catturato le immagini di ciò che è accaduto, il che ha causato ancora più indignazione quando sono diventati virali sui social network. Tutto è iniziato quando i giocatori hanno partecipato a una festa fino all’alba in una discoteca e hanno lasciato il posto in stato di ebrezza. Ciò che le autorità russe non hanno chiarito è se i due giocatori rimarranno in detenzione. La decisione potrebbe essere presa oggi. La carriera dei due giocatori è ora a rischio.

PREM’ER-LIGA, IL PUGNO DURO DEL GOVERNO

Il ministro dello sport russo, Pavel Kolobkov, ha minacciato di applicare tutto il rigore della legge e si presume che per quanto accaduto i due giocatori saranno esclusi definitivamente dalla Nazionale. Nel frattempo, lo Zenit di San Pietroburgo, la squadra in cui gioca Kokorin, ha avvertito che sanzionerà il centrocampista, anche se non è escluso che anche il contratto venga risolto. Il Krasnodar, club in cui milita Mamayev, ha riconosciuto che sta studiando il modo per porre fine al legame con il giocatore. Entrambi i giocatori erano stati protagonisti di uno scandalo nel 2016 dopo l’eliminazione della Russia dal Campionato Europeo in Francia, quando furono sanzionati per aver speso 250.000 euro di champagne in una discoteca di Monaco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *