Infortunio Florenzi, il terzino lascia il ritiro della Nazionale: i tempi di rientro

Infortunio Florenzi
FLORENCE, ITALY – FEBRUARY 04: Alessandro Florenzi of Italy in action during a training session at Centro Tecnico Federale di Coverciano on February 4, 2019 in Florence, Italy. (Photo by Claudio Villa/Getty Images)

INFORTUNIO FLORENZI – La nazionale italiana di calcio guidata da Roberto Mancini è in partenza questa mattina da Coverciano per Udine, dove domani sera allo stadio “Friuli” è in programma l’esordio nelle European Qualifiers verso Euro 2020. In programma Italia-Finlandia. Nel pomeriggio alle 18 è prevista una conferenza stampa del Commissario Tecnico Mancini e del capitano Giorgio Chiellini e un allenamento allo stadio (alle 18.30, aperto ai media i primi 15′).

Problemi in difesa

Nel frattempo il terzino romanista Alessandro Florenzi, che ieri aveva interrotto l’allenamento per un risentimento al polpaccio sinistro, questa mattina ha lasciato il ritiro della Nazionale, per fare invece ritorno al club di appartenenza e proseguire le cure del caso. Si tratta dell’ennesimo infortunio al polpaccio per un calciatore della Roma, una vera e propria maledizione o più semplicemente il frutto di una preparazione atletica a dir poco scadente. Florenzi potrebbe dover restare fermo per almeno 15 giorni. A forte rischio la sua presenza nel match del 31 marzo contro il Napoli.

-> leggi anche: Italia-Finlandia probabili formazioni: Bernardeschi dal 1′, c’è Spinazzola

Infortunio Florenzi su Instagram saluta i compagni

Lo stesso Florenzi attraverso il suo account ufficiale Instagram ha dato ufficialità alla notizia: “Mi spiace lasciare i miei compagni in questo momento e per queste due importanti partire. In bocca al lupo ragazzi, FORZA AZZURRI! 💙🇮🇹 #italia#azzurri” 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Mi spiace lasciare i miei compagni in questo momento e per queste due importanti partire. In bocca al lupo ragazzi, FORZA AZZURRI! 💙🇮🇹 #italia #azzurri

Un post condiviso da ALESSANDRO FLORENZI (@florenzipertelethon) in data:

Giovanni Cardarello