Porto-Roma conferenza Di Francesco: “Gioca la squadra non il tecnico”

Porto Roma conferenza Di Francesco
(Photo by Andreas SOLARO / AFP) (Photo credit should read ANDREAS SOLARO/AFP/Getty Images)
Porto Roma conferenza Di Francesco
AS Rome’s Italian coach Eusebio Di Francesco looks on during a press conference on the eve of the UEFA Champions League group G football match between AS Roma and FC Viktoria Plzen on October 1, 2018 in Rome. (Photo by Andreas SOLARO / AFP) (Photo credit should read ANDREAS SOLARO/AFP/Getty Images)

PORTO-ROMA CONFERENZA DI FRANCESCO – La decisione definitiva arriverà dopo la partita di Champions contro il Porto, ma intanto su Eusebio Di Francesco pesa il verdetto degli esperti. La sconfitta della Roma nel derby ha lasciato segni evidenti anche nelle valutazioni dei maggiori analisti di vicende giallorosse, per i quali il tecnico abruzzese è quello più a rischio esonero tra tutti gli allenatori di Serie A. Uno dei commenti più esaustivi è quello dell’editorialista, e noto tifoso romanista, Antonio Padellaro che descrive così la situazione.

-> Leggi anche: Porto-Roma arbitro turco per la sfida di Champions: i precedenti

Porto-Roma conferenza Di Francesco, il tecnico appeso a un filo

Una situazione delicata in vista della trasferta Champions in Portogallo contro il Porto. “Questo è il momento di essere ancora di più vicini alla Roma, sarei felicissimo se passassimo il turno ma non risolvi così i problemi di fondo. Roma non è una piazza facile ma non è che all’Inter stanno meglio, persino la Juventus dopo l’Atletico Madrid è stata contestata -sottolinea Padellaro-. Questo è un ambiente molto passionale ma anche la tifoseria e l’ambiente hanno bisogno di sapere quali sono i punti di riferimento fissi. Chi comanda nella Roma? Avendo delle certezze puoi poi magari anche accettare delle sconfitte”. “Anche Monchi, che forse qualcosa ha sbagliato più di tutti nella campagna acquisti, come può lavorare tranquillamente sapendo che c’è forse qualcun’altro, come leggo, che decide al posto suo. Perché fare arrivare questi messaggi per un signore che va rispettato per il lavoro che fa. E’ tutto destabilizzato e la squadra ne risente”, spiega l’ex direttore de ‘Il Fatto Quotidiano’. Al timone nella tempesta giallorossa c’è il tecnico Eusebio Di Francesco. “Quello che è insopportabile tra tutte le cose insopportabili è tenere sulla graticola una persona perbene, un allenatore che sa il fatto suo ma che evidentemente ha delle difficoltà. E’ dalla terza giornata che si dice debba andare via e così lo si mette nelle condizioni peggiori per lavorare: sulla graticola non è giusto tenere nessuno. O lo si congedava da subito o si diceva: ‘questo è il vostro allenatore da qui alla fine della stagione’. Dire vediamo cosa succede col Porto è un altro errore”, conclude Padellaro. Intanto il tecnico giallorosso anticipa in conferenza stampa i temi del match di Champions League.

Porto Roma conferenza Di Francesco

“Se sono supportato? E’ ovvio che è essere supportato è fondamentale, essere sopportato no. E’ fondamentale mettere in campo i giocatori che decido io che possano fare prestazioni di alto livello come quelle dell’anno passato in Champions”. Lo ha detto il tecnico della Roma, Eusebio Di Francesco, alla vigilia della sfida di Champions con il Porto. “Il mio stato d’animo? Da quanto sono seduto sulla panchina della Roma fa parte del lavoro il momento difficile. Ma io vorrei riportare l’attenzione sul fatto che domani non gioca Di Francesco ma gioca la Roma. La gente parla di questo e altro, ma l’interesse del romanista è che la Roma passi. Il mio pensiero sincero va alla squadra e ai ragazzi per fare una grande partita e che si passi il turno. Domani non gioco io, non è la mia partita. E’ nell’interesse di tutti che vada in un certo modo. I discorsi fanno parte del mio lavoro, sapendo che è una partita importantissima per tutti”. Sono le parole del tecnico della Roma, Eusebio Di Francesco, alla vigilia della fida di Champions con il porto che potrebbe essere decisiva per la sua panchina.