Inter-Eintracht, Spalletti: “Il gol a freddo ci ha innervositi”

Inter Eintracht Spalletti
(Photo by Emilio Andreoli/Getty Images)
Inter Eintracht Spalletti
MILAN, ITALY – MARCH 14: FC Internazionale coach Luciano Spalletti shouts to his players during the UEFA Europa League Round of 16 Second Leg match between FC Internazionale and Eintracht Frankfurt at San Siro on March 14, 2019 in Milan, Italy. (Photo by Emilio Andreoli/Getty Images)

INTER EINTRACHT SPALLETTI – L’Inter dice addio all’Europa League perdendo in casa con l’Eintracht Francoforte al termine di una gara opaca e sottotono. Inizio da incubo per la squadra di Spalletti, salvata dalla traversa su tiro di Haller dopo appena tre giri d’orologio, ma costretta comunque ad andare sotto al 6′ a seguito di una leggerezza di de Vrij che spiana la strada a Jovic, lesto ad approfittarne e a battere Handanovic con un lob. Partita subito in salita per i nerazzurri, che non sembrano trovare le giuste contromisure ai tedeschi. Gli assalti dell’Inter sono sterili e si spengono nel vuoto: ai quarti di finale ci va l’Eintracht Francoforte dopo il pari a reti inviolate dell’andata. Al termine del match il tecnico neroazzurro Luciano Spalletti ha rilasciato queste dichiarazioni ai microfoni di Sky Sport.

-> Leggi anche: Highlights Inter Eintracht 0-1 Europa League. Video Gol e Tabellino

Inter Eintracht Spalletti

Quale aspetto è mancato di più stasera? Chiedono da studio “Tutti, abbiamo perso subito equilibrio commettendo delle leggerezze. Loro sono andati in vantaggio, noi ci siamo innervositi ed è diventata più difficile”. L’Eintracht ha vinto anche fisicamente con costanti rimonte sulle seconde palle: “Le seconde palle diventano pericolose se non hai la pulizia giusta sulle prime, se non le lavori bene diventano tutte palle a rimbalzo. Se le tratti con qualità e le lavori meglio diventano palle pulite. Non siamo riusciti a far girare bene la palla. A Keita poi manca un po’ di lotta da partita vera, era fuori da molto. Questa è anche colpa mia. Ha avuto quella palla per andare in porta, però pur giocando negli spazi non abbiamo determinato qualcosa di concreto. Il gol iniziale ci ha creato un nervosismo superiore a quello dovuto al recuperare la situazione di svantaggio”.

L’analisi della prestazione

“E’ stata una partita difficile specie all’inizio –  ha poi sottolineato Spalletti analizzando la prestazione – Poi è diventato difficile recuperare perché anziché pensare a far bene nel tuo lavoro e dare il contributo alla squadra facendo il tuo compito vai a creare più disordine perché poi è stato così, quando porti palla la perdi e le rincorse si sono allungate. Non si sono mai trovate le distanze di squadra, e questo è un problema. Noi l’equilibrio lo abbiamo perso subito, lo 0-0 ci permette di andare fino a un quarto d’ora dalla fine e di vedere cosa succede. Siamo in casa, giochiamola con intelligenza; invece abbiamo fatto confusione nel forzare giocate non di squadra, tentativo di risolvere la questione non da soli, il che ti dà difficoltà. Lo 0-0 alla fine è stato un risultato penalizzante, come è venuto fuori nei giorni precedenti. Si deve vincere, però si può fare da ultimo mica solo nei primi 10 minuti”.