Italia-Finlandia, Mancini: “Non facile, ma c’è qualità con Kean o Zaniolo”

Italia Finlandia conferenza Mancini
FLORENCE, ITALY - MARCH 19: Italy Head Coach Roberto Mancini attends a press conference to announce partnership between FIGC and lidl at Centro Tecnico Federale di Coverciano on March 19, 2019 in Florence, Italy. (Photo by Claudio Villa/Getty Images)
Italia Finlandia conferenza Mancini
FLORENCE, ITALY – MARCH 19: Italy Head Coach Roberto Mancini attends a press conference to announce partnership between FIGC and lidl at Centro Tecnico Federale di Coverciano on March 19, 2019 in Florence, Italy. (Photo by Claudio Villa/Getty Images)

ITALIA FINLANDIA 2-0 LE PAROLE DEI TECNICI – Intervistato ai microfoni di Rai Sport, Roberto Mancini, ct dell’Italia, ha parlato della vittoria contro la Finlandia: “Non era facile perché si sono chiusi subito con cinque difensori. Siamo stati contratti all’inizio, ma la voglia era quella di riuscire a fare gol e nel secondo tempo siamo andati meglio. C’è tanta qualità nella nostra squadra, non è difficile capirlo”.

LEGGI ANCHE: Highlights Italia Finlandia 2-0: Video Gol e tabellino

Italia-Finlandia, Mancini: “Dobbiamo lavorare sodo e fare le cose con umiltà”

Il commissario tecnico della Nazionale azzurra ha quindi proseguito sul lavoro ancora da compiere: “Dobbiamo lavorare ancora perché a volte facciamo degli errori, ci siamo ritrovati dopo cinque mesi. Bisogna lavorare sodo e fare le cose con umiltà pensando che tutte le partite sono difficili”.

LEGGI ANCHE: Highlights Italia Austria Under 21 0-0: Video Gol e tabellino

Italia-Finlandia, Mancini: “Immobile stia tranquillo, i gol arriveranno. Kean? Ha margini di miglioramento importanti”

Mancini ha infine detto la sua sulla mancanza di reti di Ciro Immobile e sulla prima all’esordio da titolare per Moise Kean: “Ciro deve stare tranquillo, i gol prima o poi arriveranno. Non è stato facile per lui questa sera perché aveva sempre tanti difensori addosso, ma la sua nel complesso è stata un’ottima partita. Kean? Ha qualità, ma è giovane e deve lavorare tanto, dipende tutto da lui. Ha margini di miglioramento importanti. Non è che non sbaglio coi giovani, non è difficile con Kean o Zaniolo. Sono giocatori che hanno delle qualità”.