Roma-Cagliari, Ranieri: “È stata la miglior gara da quando sono arrivato”

Spal Roma conferenza Ranieri
(Photo by Andreas SOLARO / AFP) (Photo credit should read ANDREAS SOLARO/AFP/Getty Images)
Spal Roma conferenza Ranieri
(Photo by Andreas SOLARO / AFP) (Photo credit should read ANDREAS SOLARO/AFP/Getty Images)

ROMA CAGLIARI 3-0 LE PAROLE DEI TECNICI – Intervistato ai microfoni di Sky Sport, Claudio Ranieri, tecnico della Roma, ha parlato della vittoria contro il Cagliari: “E’ stata la migliore gara da quando sono arrivato i due gol ad inizio match ci hanno rasserenato e hanno permesso ai ragazzi di mostrare le loro qualità, che in pochi hanno”.

LEGGI ANCHE: Pagelle Roma-Cagliari 3-0: voti, tabellino e highlights del match – VIDEO

Roma-Cagliari, Ranieri: “Pastore schierato titolare perché da due settimane si allena benissimo”

L’allenatore giallorosso ha quindi proseguito su Javier Pastore, autore di uno dei tre gol dei capitolini: “Ho deciso di schierarlo dal 1′ perché è da due settimane che si allena benissimo. Oggi siamo stati squadra e deve essere così, senza egoismi o giocatori che portano troppo la palla. Siamo riusciti a farlo per 90′”.

LEGGI ANCHE: Conte alla Roma, l’ex Chelsea rivela: “Vediamo, vediamo…”

Roma-Cagliari, Ranieri: “I giocatori stanno riprendendo consapevolezza nei propri mezzi”

Ranieri ha infine detto la sua sul solo gol subito nelle ultime 4 giornate e sulla corsa alla Champions League: “Avevo fatto notare alla squadra come all’Inter avevamo concesso troppi cross per poi prendere gol. Il Cagliari è bravissimo ad allargare il gioco e a colpire con Pavoletti. Era molto importante falli crossare il meno possibili, sono stati bravi i nostri esterni”. Sulla lotta Champions: “Se guarderò le altre? No, domani è festa e mi dedicherò alla famiglia. Il fatto è che erano andati via giocatori importanti e quelli che sono restati non hanno accettato questa cosa fin da subito. C’è stato un disappunto interiore, credo che i nuovi non siano stati così aiutati dai vecchi. Non perché non volessero, ma perché erano rimasti con la testa indietro. Sono cose che in uno spogliatoio pesano. Adesso stanno riprendendo consapevolezza nei propri mezzi”.