Ranieri Roma, l’annuncio del tecnico: “Finita la stagione termina il mio lavoro”

Ranieri Roma
ROME, ITALY - APRIL 27: AS Roma head coach Claudio Ranieri looks on during the Serie A match between AS Roma and Cagliari at Stadio Olimpico on April 27, 2019 in Rome, Italy. (Photo by Paolo Bruno/Getty Images)
Ranieri Roma
(Photo by Paolo Bruno/Getty Images)

RANIERI ROMA –  “Io sono venuto alla Roma perché mi hanno chiamato ed essendo tifoso giallorosso sono venuto con tutto il mio entusiasmo e la mia buona volontà. Finito questo, finisce il mio lavoro”.  Sono le parole del tecnico della Roma Claudio Ranieri alla vigilia del match di campionato che domenica 12 maggio vedrà i giallorossi impegnati in casa all’Olimpico contro la Juventus: inizio ore 20.30

Ranieri Roma, rimpianto Conte

Sono giorni decisivi per la qualificazione alle Champions League, con la Roma decisamente attardata, con il surplus del gran rifiuto da parte di Antonio Conte di guidare la squadra di Pallotta per la prossima stagione,  Ranieri fa una battuta “Avevo detto che lo andavo a prendere all’aeroporto? Ora lo deve andare a prendere qualcun altro”. Sulla corsa Champions è netto: “Siamo ancora lì e non dobbiamo lasciare nulla di intentato, ci sono tre partite a disposizione – sottolinea Claudio Ranieri -. La cosa più importante è non avere nessun rammarico, diamo il massimo e poi tireremo le somme”. A cominciare dal match con la Vecchia Signora su cui ha le idee chiare : “Come si batte domenica la Juventus? E’ un bel quesito, innanzitutto dobbiamo essere determinati e concentrati.  Abbiamo perso una buona chance a Genova, ma ora dobbiamo far veder ai nostri tifosi una reazione d’orgoglio”. 

-> LEGGI ANCHE: Gasperini Roma, dopo i no di Conte e Sarri punta sul tecnico dell’Atalanta

Il futuro

Sul futuro il tecnico giallorosso è ottimista: “Mi sento di promuovere la Roma, è un bene inestimabile ed è logico che mi sento di promuovere la mia squadra del cuore”. Per la crescita, però, è essenziale la costruzione dello stadio a Tor di Valle: “Per la Roma è vitale lo stadio di proprietà, dopodiché potrà cominciare la rincorsa alla Juventus, senza lo stadio avrà grosse difficoltà”.