Calciomercato Inter, a gennaio ‘piazza pulita’: via (almeno) in quattro

inter cessioni conte
Antonio Conte (Getty Images)

L’Inter fa i conti con l’eliminazione dalla Champions League e pensa alle cessioni: in quattro (almeno) con le valigie pronte

Non solo Eriksen: il mercato di gennaio per l’Inter sarà movimentato soprattutto sul fronte cessioni. Se per gli acquisti l’eliminazione in Champions League peserà non poco, anche sulle uscite Marotta e Ausilio avranno molto da lavorare. Almeno quattro i calciatori con le valigie pronte per lasciare i nerazzurri alla riapertura del mercato. Il nome più gettonato è sicuramente quello di Christian Eriksen, mai in sintonia con Conte: un talento della sua portata costretto a scampoli di match, completamente fuori dal progetto del tecnico. Ed allora a gennaio sarà addio anche se ci sono da far quadrare i conti: intorno ai 30 milioni la richiesta dell’Inter e le pretendenti che giocano al ribasso.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

nainggolan inter cessioni
Radja Nainggolan (Getty Images)

Calciomercato Inter, da Vecino a Pinamonti: quanti addii

Il danese pronto a salutare l’Inter ma non soltanto lui: tra i partenti certi c’è Radja Nainggolan. Altra occasione fallita per il belga che non è riuscito a ritagliarsi spazio ed a gennaio saluterà. Il Cagliari lo aspetta ma, anche in questo caso, occorre trovare il giusto compromesso a livello economico.

LEGGI ANCHE >>>Juventus, Inter e Milan, perché si può sognare Isco a gennaio

Sempre a centrocampo, Matias Vecino andrà a cercare gloria altrove. Fermato da un infortunio, l’uruguaiano è fermo a zero apparizioni in stagione, un numero che difficilmente aumenterà da qui a gennaio. Via come Pinamonti: il ritorno in nerazzurro non è stato fortunato. A 21 anni c’è voglia e bisogno di giocare e 45 minuti in quattro mesi sono poca cosa: via in prestito, possibilmente in Serie A e in una squadra dove potrà essere impiegato più spesso.

Poi c’è da verificare le condizioni di Stefano Sensi: l’ex Sassuolo è di nuovo fermo per infortunio e la società valuta se continuare a dargli fiducia oppure ascoltare eventuali offerte.