Inter, Nainggolan in uscita: piace a Sassuolo e Fiorentina, Cagliari in agguato

Nainggolan Inter
Radja Nainggolan (Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

Secondo Gazzetta, Nainggolan vicino all’addio all’Inter: Sassuolo e Fiorentina hanno sondato, il Cagliari accontenterebbe tutti

Come riporta la Gazzetta dello Sport, Radja Nainggolan è sempre più vicino a dire addio all’Inter. Il feeling con Antonio Conte non è mai realmente sbocciato, il 32enne belga ha giocato la pochezza di 45 minuti in stagione, di cui solo 3 in Champions League.

Eppure, finora, l’Inter ha sborsato qualcosa in meno di 3 milioni per averlo alle sue dipendenze: di fatto, quasi 750mila euro ogni 10 minuti giocati. Una cifra pazzesca. Questo perché Nainggolan guadagna 4.5 milioni a stagione, 8 milioni lordi. Arrivati, più o meno a metà stagione, è piuttosto semplice calcolare l’impatto del centrocampista non in campo, ma sulle casse nerazzurre.

Questo il motivo per il quale, il ds Ausilio ed il dg Marotta sono all’affannosa ricerca di una soluzione, con qualche proposta che è arrivata, con un desiderio più volte espresso dallo stesso mediano ex Roma.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Nainggolan Inter
Radja Nainggolan (Photo by MIGUEL MEDINA/AFP via Getty Images)

Tre soluzioni, una la più gradita: quella rossoblu

Come riporta il quotidiano sportivo: “Fiorentina e Sassuolo hanno bussato alla porta di viale della Liberazione. Ma la soluzione più gradita al giocatore è quella del ritorno a Cagliari. E in quest’ottica si sta lavorando per trovare la cifra giusta che dia il via libera per un nuovo prestito. A riguardo va ricordato che, al lordo, Nainggolan costa oltre 5 milioni per i restanti 6 mesi. Giulini quanto è disposto a spendere? Ovviamente a Milano contano su un contributo cospicuo del presidente sardo. Insomma, la trattativa non si prospetta semplice”.

LEGGI ANCHE >>> Niente quarantena per Ronaldo in vacanza a Dubai: è polemica

Ovviamente l’Inter punta alla cessione di Nainggolan nei primissimi giorni del mercato di gennaio: per alleggerire la rosa che, oltre la Coppa Italia, ha solo il campionato da affrontare, per render più snello anche il monte-ingaggi ed avere anche la chance (dopo qualche altro addio) di accontentare Conte, in vista del rush finale di stagione.