Donnarumma è in scadenza, ma lancia segnali al Milan

Donnarumma, futuro ancora in bilico
Donnarumma, futuro ancora in bilico (Getty Images)

Il portiere del Milan e della Nazionale Italiana, Gigio Donnarumma, da oggi è libero di firmare per un’altra squadra, ma lancia messaggi ai rossoneri

Questa volta la storia del 2017, tra Gigio Donnarumma e il Milan, non dovrebbe ripetersi. Tutti ricorderanno il braccio di ferro tra i dirigenti milanisti (all’epoca Fassone e Mirabelli) e il procuratore del portiere rossonero, Mino Raiola. La vicenda si concluse con il rinnovo del contratto, a cifre importanti, ma anche una frattura con la tifoseria.  

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Gianluigi Donnarumma (@gigiodonna99)

Sembra passata una vita da quel momento, in quanto, nel frattempo, il portiere è diventato una bandiera del Milan, ha conquistato la maglia da titolare nella Nazionale Italiana e sembra avere tutte le intenzioni di rimanere in rossonero a lungo. Uno dei segnali, positivi, rivolti proprio ai tifosi, è stato lanciato da Donnarumma sul post di auguri per il nuovo anno, scritto su Instagram: “Sarebbe bello riaverli al più presto allo stadio”.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Il Milan conta di trattenere Donnarumma
Il Milan conta di trattenere Donnarumma (Getty Images)

Milan, Donnarumma e Calhanoglu: due contratti che scottano

Nonostante tutto, però, c’è da fare i conti con un contratto in scadenza e con il dato di fatto che da oggi, primo gennaio, Donnarumma è libero di accordarsi con un altro club e lasciare il Milan in estate a costo zero. Difficile che ciò si realizzi, considerato l’attaccamento del giovane portiere ai rossoneri e il clima di euforia che c’è, adesso, a Milanello.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato, Milan e Juventus si contendono Brenner

Resta il fatto che, come per Calhanoglu, anche la situazione di Donnarumma resta appesa a un filo. I ragazzi sembrano intenzionati a restare in rossonero, certamente con un adeguamento dell’ingaggio, ma il Milan dovrà sbrigarsi a rinnovare due contratti che scottano. La palla passa a Maldini e Massara, con il benestare del fondo Elliott, per non disperdere un patrimonio, sul campo ed economico.