La Juventus non molla Scamacca, la conferma di Paratici

Fabio Paratici
Fabio Paratici - GettyImages

La Juventus continua ad essere al centro del chiacchiericcio di mercato, a rispondere sull’argomento ci ha pensato Fabio Paratici.

La Juventus scende in campo stasera per gli ottavi di finale di Coppa Italia. Di fronte c’è il Genoa di Ballardini, per un match insidioso dove anche il Grifone è alla ricerca di conferme e soprattutto continuità di risultati. La Coppa può rappresentare una spinta anche per il campionato, e proprio per questo la compagine di Andrea Pirlo è chiamata ad una prestazione di attenzione e sacrificio.

Il mercato, come sempre, tiene banco. La squadra bianconera, come tutti gli altri club in giro per l’Europa, è alla prese con la crisi economica derivante dall’emergenza Coronavirus. Come già chiarito più volte, questa sessione invernale vedrà i club impegnati in diverse operazioni di fantasia, dove i soldi da far girare saranno veramente pochi.

Anche la Juventus, ovviamente, si guarda intorno per rinforzare la rosa a disposizione di Pirlo. Per l’immediato ma anche per in ottica futura, la dirigenza bianconera è al lavoro da settimane tenendo lo sguardo attento su tutto quello che il mercato potrà offrire in un momento cosi particolare.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Juventus Paratici
Pavel Nedved e Fabio Paratici (GettyImages)

Paratici ed il mercato, in mezzo resta Scamacca

Prima della sfida contro il Genoa, proprio il dirigente Fabio Paratici è stato chiamato in causa, per chiarire quali potranno essere gli scenari di casa Juventus ovviamente in ottica mercato. Due i nomi tirato in ballo nel pre partita ai microfoni di Rai Sport, quelli di Scamacca e Shomurodov.

Lo stesso Paratici ha voluto rispondere in maniera pronta ed attenta sulla questione: “Riguardo Scamacca e Shomurodov, come ho già detto, la nostra rosa è competitiva“, ci ha tenuto a precisare il dirigente bianconero.

LEGGI ANCHE >>>  Quando torna Osimhen? Gattuso chiarisce il momento del nigeriano

“Siamo contenti di chi abbiamo, poi logicamente il mercato è aperto e se ci saranno opportunità le coglieremo, altrimenti rimarremo così. Non c’è fretta”, la chiosa di Paratici sull’argomento.