Inter, si pensa al dopo Handanovic: due soluzioni

Marotta bordocampo
Inter, occhio al dopo Handanovic (GettyImages)

L’Inter pensa a quello che sarà il futuro della propria porta, ben due nomi accostati al club per prendere l’eredità di Handanovic.

In casa Inter il mercato resta una costante, ma non soltanto per quanto concerne la stretta attualità. La squadra nerazzurra, infatti, guarda anche al futuro per capire come migliorare la rosa attualmente a disposizione di Antonio Conte. In particolare, è quello del portiere il ruolo che desta maggiori pensieri.

Handanovic non sarà eterno, ed in casa Inter si cominciare a pensare a quello che sarà il suo erede. Arrivato alla veneranda età di 36 anni, infatti, l’estremo difensore sloveno dovrà evidentemente lasciare il passo a colleghi più giovani sui quali il club potrà puntare anche in prospettiva.

I nomi già ci sono, anche se questo tipo di operazione verrà fatta con estrema calma. L’obiettivo, infatti, è si quello di dare nuova linfa al reperto portieri, ma non c’è ovviamente necessità di farlo già in questa sessione di mercato. Si guarda ai prossimi mesi, magari all’estate.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Musso Udinese
Inter, nel mirino anche Musso (GettyImages)

Inter, per il dopo Handanovic due soluzioni

L’Inter, come detto, avrebbe sul piatto ben soluzioni da proporre al proprio allenatore. Profili giovani, che militano nel campionato italiano e che sarebbe idonei fin da subito a prendere in mano le redini della situazione.

Uno di questi è Juan Agustín Musso, estremo difensore dell’Udinese classe ’94. L’argentino ha dimostrato di poter essere un portiere di assoluto affidamento e l’Inter – secondo quanto riportato da Tuttosport – ci starebbe seriamente pensando.

LEGGI ANCHE >>> Inter, nuova pretendente per Eriksen: dalla Premier una nuova offerta

L’altro è un profilo italiano, e porta il nome di Alessio Cragno: stessa età di Musso, e portiere del Cagliari anche in odore di nazionale. Anche qui il club nerazzurro avrebbe alzato le antenne, per capire come mettere le mani sul portiere nativo di Fiesole.