Copa Sudamericana, Crespo scrive la storia: il Defensa y Justicia vince il suo primo titolo!

Crespo bacia la copa
Lanus Defensa y Justicia Copa Sudamericana (Getty Images)

Il Defensa y Justicia batte 3-0 il Lanús in finale di Copa Sudamericana e si aggiudica il primo titolo della sua storia. 

C’è sempre una prima volta, e quando capita è la più bella di tutte. Migliore, non può essere. Perfettibile nemmeno.

In 86 anni di storia il Defensa y Justicia si è districato senza infamia e senza gloria tra le categorie inferiori del calcio argentino, riuscendo a frequentare i piani nobili del calcio soltanto a partire dal 2014. Ciò significa che, mentre El Halcón lottava per affermarsi in Primera División, due anni prima l’attuale allenatore, nel 2012, Hernán Crespo, aveva già inchiodato gli scarpini dopo essersi saziato di vittorie in ogni dove, riempiendo una bacheca di titoli. Per la precisione, ne ha vinti 16 in un quarto degli anni che attualmente ha il Defensa y Justicia. Comunque si scompongano gli addendi, il risultato non cambierà. Hernán Crespo è l’oggetto di valore, il più prezioso, che possa vantare il Defensa y Justicia. Ancor di più, se a meno di un anno dal suo arrivo in panchina El Valdanito ha permesso alla squadra argentina di vincere non solo il suo primo titolo internazionale, bensì il primo in assoluto che albergherà da oggi nella bacheca del club.

Il tutto confezionando un successo non casuale, bensì coronato da passi assolutamente onorevoli, che hanno portato la squadra a essere considerata la favorita al titolo, già a partire dai quarti di finale, pur non avendo alcun almanacco a favore. 

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Il cammino del Defensa y Justicia in Copa Sudamericana

Defensa y Justicia esultanza
Lanus v Defensa y Justicia (Getty Images)

Dal secondo turno fino alla finale, El Halcón ha cancellato dal tabellone della partecipazione lo Sportivo Luqueño, le brasiliane Vasco da Gama e Bahia, il Coquimbo Unido e infine i connazionali del Lanús, assolutamente meritevoli della finale disputata. Il tutto il Defensa y Justicia l’ha messo a punto da imbattuta. Nessuna sconfitta nell’interno corso della competizione. Era il 26 gennaio del 2020 quando Crespo firmava il suo contratto con i gialloverdi e in Copa Sudamericana ha realizzato la sua prima opera d’arte, incassando il primo trofeo da allenatore, prima ancora di compiere un anno in panchina.

La finale tra Lanús e Defensa y Justicia

I festeggiamenti del Defensa y Justicia
Lanus v Defensa y Justicia (Getty Images)

La sfida disputata contro il Lanús rappresenta la sintesi perfetta delle ambizioni del calcio di Crespo. Una sfida dominata sulle linee, fin dal primo momento. Lo spettatore casuale non avrebbe potuto riscontrare differenze tra il 15’ e il 75’ di gioco: il Defensa y Justicia ha sempre dominato l’avversario ed è sempre rimasto in gioco. 

LEGGI ANCHE >>> Milan ko con l’Atalanta, ma l’unico sconfitto è Conte espulso

Un Lanús troppo difeznsivista ha lasciato spazio alla manovra offensiva avversaria, che ha approfitta di ogni centimetro. Il 3-0 è un risultato che tuttavia richiede pazienza per realizzarsi. La prima rete arriva alla mezz’ora del primo tempo: un assist dell’esperto Walter Bou favorisce in area Adonis Frias. Al 17’ della ripresa un errore difensivo di Alexis Perez è un retropassaggio del quale approfitta Braian Romero per andare in gol. Partita chiusa? No, c’è il momento di gloria per Washington Camacho, presente nella storia del Halcón fin dalla Serie C locale. Al fotofinish scrive la sua parentesi di gloria con il gol che diventa il marchio su una storia nuova, quella che comincia oggi. Con Crespo, per Crespo.