Donnarumma e Calhanoglu sì, ora il Milan ha quattro casi da risolvere

Stefano Pioli
Stefano Pioli (Getty Images)

I rinnovi di Donnarumma e Calhanoglu portano con sé altre problematiche: con la Champions il Milan potrebbe fare i conti con quattro casi

Il Milan fa i conti e prova a capire cosa accadrà da qui a qualche mese. Non è di campo che si parla, anche se il rettangolo verde ha la sua influenza. La squadra di Pioli a sorpresa è al primo posto in classifica e spera di riuscire a mantenere il primato fino a maggio. Intanto però, con o senza scudetto, c’è una quasi certezza: i rossoneri il prossimo anno disputeranno la ChampionsLeague. Un impegno che ha anche risvolti economici: certo in entrata, con gli introiti della principale competizione europea, ma anche in uscita con i calciatori che batteranno cassa per gli inevitabili aumenti di stipendio.

Lo snodo potrebbero diventare i rinnovi di Calhanoglu e Donnarumma. Entrambi hanno chiesto un cospicuo ritocco dell’ingaggio e il Milan si trova davanti al bivio: non concederlo, significherebbe rischiare di perdere due pilastri da sostituire poi sul mercato (con conseguenti spese). Concederlo equivale però ad aprire la porta degli uffici della società a tutti gli altri calciatori, che inevitabilmente vorranno lo stesso trattamento. In particolare ci sono quattro situazioni che la società dovrà gestire prima che diventino dei ‘casi’.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Milan, da Kessie a Theo Hernandez: rinnovi prima che sia troppo tardi

Due riguardano calciatori che andranno in scadenza a giugno 2022: si tratta di Kessie e Romagnoli. Toccherà a loro, appena la società definirà le questioni Donnarumma, Calhanoglu e Ibrahimovic, trattare un nuovo contratto ed inevitabilmente chiederanno un riconoscimento economico maggiore con la conquista della Champions. Per entrambi non mancano le sirene di altri club: il centrocampista ha molti ammiratori in Premier League, il difensore è da tempo sul taccuino della Juventus.

LEGGI ANCHE >>> Il big del Milan ha già la maglia della Juventus

Poi ci sono le due ‘scoperte’ degli ultimi anni: Theo Hernandez è diventato a Milano un calciatore di primo livello, tanto che il Real Madrid si mangia le mani per averlo dato via e il Psg spera di riportarlo in Francia. Il francese percepisce un ingaggio intorno ai due milioni di euro e con la Champions vorrebbe vederlo salire. Quello che spera accada anche Bennacer, rientrato dall’infortunio e pronto a riprendersi il centrocampo: l’algerino ha uno stipendio da 1,5 milioni di euro e anche per lui le sirene – soprattutto estere – non mancano. Con loro il Milan deve fare presto per evitare che diventino dei veri e propri casi.