Juve, ecco quando torna Dybala

Dybala esulta in campo
Dybala Juventus (GettyImages)

La Juventus conta di avere Dybala a disposizione al top per ribaltare la sfida contro il Porto in Champions League e passare ai quarti di finale. 

Ormai con ansia ogni giorno si attende il ritorno di Paulo Dybala nella sua miglior condizione, con la Juventus. Il giocatore è fermo dallo scorso 10 gennaio, quando s’infortunò durante la sfida di campionato contro il Sassuolo. L’argentino corre verso la ripresa e dal canto loro i bianconeri stanno dimostrando un estremo bisogno della Joya. Senza di lui, infatti, sono arrivati risultati pesanti come le due sconfitte di fila tra Serie A e Champions League. Tuttavia, già in occasione della sfida di lunedì contro il Crotone potrebbero esserci degli spezzoni di match per lui. Il tutto per averlo al 100% il prossimo 9 marzo, quando a Torino la Juventus dovrà ribaltare in proprio favore il 2-1 contro il Porto e puntare ai quarti di finale di Champions League.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Juventus, quanto manca la Joya Dybala!

Paulo Dybala riscaldamento
Paulo Dybala (Getty Images)

Come riferisce La Gazzetta dello Sport, il giocatore, pur allenandosi con costanza da diversi giorni, avverta ancora qualche fastidio al ginocchio sinistro. Un dolore non eccessivo col quale sta imparando a convivere, almeno fin quando ritroverà la condizione antecedente all’infortunio. Ieri, nel giorno libero concesso da Pirlo, Dybala ha comunque svolto esercizi personalizzati mirati al miglioramento e rafforzamento del tono muscolare. Probabilmente in tempi diversi si sarebbe ancora atteso per il suo rientro in campo, ma la Juventus ne ha bisogno in un mese così fitto di impegni, a ridosso della prima parte del finale di stagione.

LEGGI ANCHE >>> Inter, le parole di Zhang che fanno tremare i tifosi

D’altronde i dati parlano per lui: nella stagione 2019-20, Dybala ha realizzato 17 gol e vinto anche il primo Mvp dell’edizione del campionato. Quest’anno, invece, è ancora fermo a tre reti a causa dei numerosi stop, che hanno poi costretto Pirlo ad adattare Kulusevski nel ruolo di seconda punta. Con l’argentino in campo i numeri cambiano, si segna di più e si è più temibili: 2.3 la media a gara, 1.6 senza senza Dybala. What else?