Dybala è andato a Barcellona: la Juve trema

Dybala esulta in campo
Dybala Juventus (GettyImages)

Viaggio a Barcellona, quest’oggi, per Paulo Dybala, out da diverse settimane per un problema fisico che lo sta tormentando

Non c’entra il mercato, stavolta, anche se proprio il Barcellona, in passato, ha chiesto informazioni. Paulo Dybala è volato in Spagna per altri motivi: quelli fisici. La Joya, fermo dal 10 gennaio, giorno della gara col Sassuolo, è volato a Barcellona per un consulto col prof. Cugat. Scelta dettata dal fatto che il giocatore nelle ultime sessioni di allenamento avvertiva ancora dolore al ginocchio dopo l’infortunio al collaterale. Sembrava vicino, il suo rientro, invece è slittato, continua a slittare, e regna l’incertezza sui suoi reali tempi di recupero. Non si sa bene quando Pirlo potrà ritrovare il suo attaccante. Il consulto è stato positivo, il prof. Cugat gli ha consigliato le terapie per lenire il dolore. L’obiettivo è di tornare in campo col Porto per giocare almeno una mezzora.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Dybala in riscaldamento
Paulo Dybala (GettyImages)

Juventus, le condizioni di Dybala

Pirlo, prima della partita contro il Crotone, aveva fatto capire che non c’erano certezze sul rientro di Dybala e le ultime notizie vanno in questa direzioni e acuiscono i dubbi sul suo recupero. Una vera e propria tegola per Pirlo che, in vista del Verona, sabato, ma soprattutto del Porto, la prossima settimana, rischia anche di rinunciare a Morata. Per Dybala, come detto, il rientro è una speranza. Sull’ex Real, l’attaccante spagnolo quest’oggi non si è allenato perché “prosegue il suo recupero dall’infezione virale”.

LEGGI ANCHE >>> Per fortuna De Ligt ci ha ripensato

A disposizione di Pirlo, per ora, c’è solo Cristiano Ronaldo, col solito Kulusevski che l’allenatore della Juventus, in passato, ha adottato da centravanti con scarsi risultati. Pirlo non vede l’ora di riavere il reparto al completo dato che siamo entrati nel momento clou della stagione. I bianconeri si giocano tutto in pochi giorni, ma senza alcuni dei loro principali riferimenti dell’attacco.