L’ammissione di Conte: vuole tornare ad allenare la Nazionale

Conte esulta dopo un gol
Antonio Conte (GettyImages)

Antonio Conte, attuale allenatore dell’Inter, si racconta e torna sul futuro in nerazzurro senza escludere un rientro prima o poi alla guida della Nazionale italiana. 

Attualmente l’Inter si gode un meritato primato in classifica, con una squadra costruita per il vertice ma i passaggi tortuosi non sono mancati. L’eliminazione in Champions League ha messo in discussione la permanenza di Antonio Conte sulla panchina dell’Inter e il tutto mentre Suning negozia l’ingresso di nuovi fondi e/o la cessione del club. Al Corriere della Sera l’allenatore si racconta così: “L’esperienza alla guida della Juventus è stata importante, ci sono arrivato con un bagaglio già costruito in precedenza. In molti mi avevano sconsigliato di andare all’Inter, ma io sono per la sfide e questa è la più difficile della mia carriera. Se per 10 anni non vinci, inconsciamente di abitui alla situazione. Tendi a cercare alibi o a dare la colpa a qualcun altro, senza vedere i tuoi limiti. Quindi alzi la pressione e diventi un rompiscatole, e sta qui la differenza tra una mentalità per vincere e una per campare. Il problema è riuscire a indirizzare la barca dove hanno chiesto di portarla, sebbene qualcuno possa pentirti di averti scelto”.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Conte felice all’Inter ma apre alla Nazionale

calciomercato interconte bastoni rinnovo agente
Antonio Conte (GettyImages)

Antonio Conte si sofferma poi sul suo momento di difficoltà, quando ha rischiato l’esonero ed è stato messo in discussione dai tifosi, dopo l’eliminazione ennesima dalle competizioni europee. Il tecnico si promette a lungo all’Inter: “Io ci metto anima e corpo, la passione è contagiosa e fa la differenza. Non so se vinceremo, ma faremo di tutto per riuscirci. Quando un allenatore sposa un progetto, è felice se ha la possibilità di lavorare a lungo nello stesso club. Se bisogna andare via poco dopo, c’è solo amarezza”.

LEGGI ANCHE >>> Torino, caos covid: a rischio altre due partite 

Tuttavia, in chiusura, Conte non chiude le porte all’Italia, anzi si lascia andare ad una candida ammissione: “Dare la propria impronta e restare per tanti anni è la cosa più bella. Mi piacerebbe se fosse così. Nazionale esperienza chiusa? No, assolutamente. Ecco, adesso il solo pensare alla Nazionale mi fa venire i brividi. La mia porta per l’Italia sarà sempre aperta” questa è la frase da usare”.