Juventus, Morata bacchetta gli scettici e punta l’obiettivo

Morata esulta
Alvaro Morata (GettyImages)

Alvaro Morata ha parlato apertamente in televisione, il messaggio a rivolto agli scettici ed un segnale chiaro è arrivato in ottica Scudetto.

Per la Juventus resta lo Scudetto un obiettivo assolutamente alla portata. La vittoria di stasera contro lo Spezia racconta di una squadra con tante difficoltà (infortuni in primis) ma allo stesso tempo tanta voglia di combattere per provare ad arrivare fino in fondo. Le milanesi corrono, ma i bianconeri non hanno alcuna intenzione di gettare la spugna, soprattutto in un momento cosi importante della stagione, dove ogni partita mette in palio punti potenzialmente decisivi.

Ci crede, Andrea Pirlo, cosi come ci crede lo spogliatoio bianconero. La Juventus, d’altronde, è una squadra abituata a vincere ormai da anni. Un ambiente che alcuni danno per saturo, ma che sembra avere ancora tanta fame. Almeno all’interno del gruppo squadra, pronto a dare battaglia nel segno dei giocatori più rappresentativi, Cristiano Ronaldo in primis.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Alvaro Morata e Claudio Terzi in azione
Morata e Terzi (GettyImages)

Juventus, Morata suona la carica per lo Scudetto

E cosi a suonare la carica è Alvaro Morata, tornato questa estate in quel di Torino e già diventato decisivo per il suo allenatore. Pirlo lo ha elogiato proprio nel post partita della vittoria contro lo Spezia, segno di quanto anche l’attaccante abbia sulle sue spalle una grande responsabilità.

Compito che Morata sposa senza problemi, come ammesso dallo stesso spagnolo: “L’importante sono i tre punti, ci mettiamo in una dinamica positiva: quella della vittoria, che deve esserci ogni settimana. Adesso dobbiamo pensare alla prossima partita”, le parole dello spagnolo a commentare la partita.

LEGGI ANCHE >>> Juventus, ammonizione e squalifica: Pirlo in emergenza totale

Poi il passaggio chiave, quello sullo Scudetto: “Non sono scuse: ci sono tanti punti in ballo, chi non ci crede non guardi le nostre partite. Se non vinceremo faremo i complimenti all’avversario, ma prima dovremo morire in campo. Finché la matematica ce lo consentirà lotteremo fino alla fine”, il messaggio chiaro e molto concreto di Morata.

Lo spagnolo, insomma, si è caricato una bella responsabilità sulle spalle. Non che l’ambiente bianconero si faccia toccare dal fatto che la Juventus crede allo Scudetto, ci mancherebbe dopo anni di successi. Ma adesso servirà mettere tutto in campo, gambe in spalla all’inseguimento delle milanesi.