“È un fallimento”, che attacco alla Juventus: la rassegna stampa

Cristiano Ronaldo triste
Cristiano Ronaldo (Getty Images)

La Juventus è fuori dalla Champions, eliminata dal Porto dopo il 3-2 di ieri all’Allianz Stadium. Dai giornali filtra la parola fallimento nell’analisi del percorso bianconero.

Pirlo, Cristiano Ronaldo, Agnelli, Paratici, sono finiti nel mirino della critica. L’edizione odierna del Corriere della Sera su tutti colpisce la strategia della Juventus nell’acquisto di Cristiano Ronaldo realizzato nell’estate del 2018.

“Il matrimonio tra l’azienda Juventus e l’azienda Cr7 è un fallimento”, la sentenza del Corsera che trova spazio anche su altri quotidiani.

La critica sottolinea l’errore di Cristiano Ronaldo che si gira sulla punizione del 2-2, con la palla che gli passa sotto le gambe ma c’è anche uno sguardo più ampio. Il suo acquisto doveva servire a fare la differenza in Europa, i risultati in Champions League sono peggiorati.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

La terza eliminazione con Cr7, la decisione spetta ad Agnelli

Ajax, Lione e Porto, la Juventus, che nel ciclo precedente era andata due volte in finale, con Cristiano Ronaldo è arrivata al massimo ai quarti di finale nella prima stagione del campione portoghese.

La Gazzetta dello Sport passa la palla ad Agnelli che dovrà analizzare e decidere sulla sindrome bianconera del solito “braccino” continentale. Secondo la rosea, c’è solo la prestazione di Chiesa da salvare.

Il Corriere dello Sport anche se la prende con Cristiano Ronaldo, il titolo in prima pagina è “Traditi da Ronaldo”. Non manca un passaggio su Pirlo, definito l’incompiuto dopo la notte più amara.

LEGGI ANCHE >>> Juve, finisce un’era: quella di Ronaldo, Pirlo e Paratici

“La Juve è di nuovo fuori dagli ottavi, riecco la sensazione del fallimento stagionale. Meritava di passare ma non si può trascurare il fatto che è stata eliminata da un avversario che le era inferiore”, il commento di Ivan Zazzaroni, il direttore del Corriere dello Sport.

Il quotidiano “La Stampa” parla di fallimento tecnico ed economico, mette nel mirino i dirigenti protagonisti della rivoluzione estetica di due anni fa che avrebbe portato allo sfascio.

Ripartire da Chiesa è  l’imperativo adottato dall’editoriale di Guido Vaciago su Tuttosport. L’ex Fiorentina è il migliore in campo per tutti, anche all’estero, come sottolineano le pagelle dell’Equipe che mettono nel mirino la prestazione di Morata. Il centravanti spagnolo non è stato efficace, si è fatto respingere più volte le sue conclusioni dal portiere del Porto Marchesin.